Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

La questione infinita sui consorzi di bonifica

Si ritorna ancora sulla gravissima problematica che attanaglia il mondo agricolo regionale sulla tenuta in vita dei consorzi di bonifica basso-molisani, enti di diritto pubblico, sperando che il Governo regionale possa affrontare questo spinoso nodo in modo definitivo.
Non si entrerà in merito alle competenze, obblighi, funzioni amministrative e responsabilità tra Regione ed enti consortili; saranno oggetto di confronto prossimamente in modo più dettagliato.
Oggi, i consorzi di bonifica, per il reddito agricolo, sono delle bombe ad orologeria; in un passato non tanto recente furono postifici, assunzioni ad "umma a umma", stipendifici, carrozzoni burocratici elefantiaci "creati" ad uso e consumo per "logiche" politiche clientelari.
Il contadino, oggi, non può più permettersi il lusso di pagare gli errori commessi, mala gestione compresa, di enti che sono un sistema dispersivo, incoerente e costoso visto che, da sempre, i consorzi sono sotto controllo "complice" del politico del momento o di alcune organizzazioni agricole.Quando si trattano argomenti quali bilanci in rosso, promozioni, aumenti di livello, straordinari, commissariamenti, etc., il coltivatore, come spesso avviene è rimasto solo alla finestra a guardare e subire passivamente aumenti di tariffe, ... in attesa ( per quasi ventitré anni ) del piano di riparto di contribuenza che regolarizzasse i benefici (presunti).
Gli amministratori, commissari e non, non hanno mai preso in considerazione il punto focale: il beneficio, nonostante le problematiche segnalate da molti consorziati; non hanno mai sposato o si sono interessati per legittimare le giuste e sacrosante istanze di quest'ultimi.Il loro unico pensiero: far quadrare i bilanci "sbilanciati" e vessare " gli obbligati" con richieste di aumenti di tributi o atterrirli con lo spauracchio delle cartelle esattoriali e spese legali, grazie a Regi Decreti che hanno fatto il loro tempo.
Costi esorbitanti riferiti ai contributi irrigui (il 750) e all' improprio tributo di miglioramento fondiario (il 630), meglio manutenzione della rete scolante, per redditi inesistenti o presunti benefici, soprattutto in zone comprensoriali rispetto ad altre di netto svantaggio.Questo, per onestà intellettuale e dal lato dell' equità, è uno schiaffo a chi, in campagna, lavora onestamente per poi vedersi alla fine senza un becco di un quattrino in tasca.
Le colture irrigue, siano esse finocchi, pomodori, peperoni, (ex ) barbabietole da zucchero, ne sono la prova evidente della non redditività. NON C'E' PIU' REDDITO.I costi di produzioni sono nettamente superiori ai ricavi dalle loro vendite.Basterebbe solo informarsi o, pur essendone a conoscenza fanno finta di nulla?Cattiva volontà o menefreghismo?
Anche la Direttiva Comunitaria Quadro Acque 2000/60/CE del 23-10-2000 e l'Applicazione delle Linee Guida approvata con D.M. del 20-07-2016 per la regolamentazione da parte delle Regioni circa la politica tariffaria dei consorzi di bonifica cita: " ....l'uso parsimonioso atto ad evitare sprechi dei volumi idrici ad uso irriguo MA ANCHE DEL BENEFICIO (ANALISI COSTI/EFFICACIA) PER IL CONSORZIATO, IN FUNZIONE DEL SUO CONTESTO TERRITORIALE, e non certo un aumento indiscriminato dei costi della risorsa idrica che rischierebbe di pregiudicare in maniera significativa la sopravvivenza, la produttività e la competitività delle imprese".
Non è più valido il concetto del contributo, come asseriscono i consorzi: acqua irrigua = beneficio. E' errato. Beneficio, invece, è inteso come nuovo concetto. L'ACQUA E' VISTA COME BENE DIETRO CORRISPETTIVO: SE USATA E SE CONVIENE USARLA, E NON COME BENEFICIO.L'acqua è un bene che viene corrisposto dietro un pagato tariffario, quindi un contributo. Come in ogni realtà, se una cosa la si vuole, la si paga ad un costo definito, E SE CONVIENE.Prova ne sono i vari rapporti INEA ( Istituto Nazionale di Economia Agraria) sull'Agricoltura in Molise, ad es. quello dell'anno 2013 dove a pag 113 cita: " Anche il costo monetario dell'irrigazione incide negativamente sul ricorso della pratica, specialmente se si considera l'incertezza del risultato economico che sta interessando alcune delle principali coltivazioni irrigate". Ancora: " Rispetto al passato censimento, di nuovo in tabella 5.37 (riferita al 2010) si assiste ad una netta diminuzione delle aziende che ricorrono all'irrigazione ( -46,3%)".Questo nel 2013, figuriamoci ora! Basta percorrere le varie arterie regionali più importanti per rendersi conto quanti ettari sono interessati a colture irrigue. Un'inezia.
Questi sono i punti cruciali della questione.Non può essere legittimo, e qui la situazione diventa veramente grave, pretendere il pagamento di un contributo per inesistenti interventi di bonifica e/o manutenzione idraulica visto che, un consorzio ( il "Trigno e Biferno"), a " suo " dire, dichiara di essere non responsabile in quanto non competente per i servizi non erogati (vigilanza e manutenzione).
Inutile epilogare la lunga serie di eventi, frane ed allagamenti, che hanno interessato alcuni Comuni del Basso Molise come Palata e Guglionesi o evidenziare l'inutilità e l'inefficienza dell'ente consortile circa la sicurezza o interventi di salvaguardia sotto il profilo idrogeologico.
Non si possono pagare costi di gestione amministrativa che nulla hanno a che vedere con la finalità e la tutela delle aree del comprensorio consortile e senza concreti e diretti vantaggi agli immobili dei contribuenti!
Peggio il pagamento del tributo irriguo, per quanto detto sopra.
Il mondo contadino, quello che vive di solo reddito agricolo non è in grado più di sopportare tale situazione!Enti, si ripete, strutturati in simile maniera, che costituiscono solo una spesa per il cittadino che finisce per pagare tributi e non per ottenere un reale beneficio ma per tenere in vita un organismo che visti i risultati sin qui ottenuti, si potrebbe benissimo fare a meno.
Conclusioni.
E' giunto il momento che chi di dovere si prodighi e non, come al solito, aspettare.... l'anno che verrà affinché "altri" (ma quali?) tolgano le castagne dal fuoco.Il problema è tutto politico e la sua soluzione non può trovare sufficiente soddisfacimento nella strada giudiziaria che diversi consorziati hanno intrapreso da alcuni anni presso le Commissioni Tributarie regionali. Non è giusto.I tempi sono maturi per decidere se i consorzi di bonifica, è il caso di dirlo, possano essere " bonificati" o, invece, chiuderli definitivamente.
Ci si auspica pertanto che gli Organi preposti regionali concretizzino quanto prima su queste "proposte" agricole e promuovano un'azione legislativa definitiva atta a tutelare il settore agricolo in evidente stato di criticità dovuto anche a queste cronicizzate anomalie.


(Giorgio Scarlato - Termoli)

 
[ Articoli 1-10 visualizzati di 1627 totali ]
[1-10][11-20][21-30][31-40][41-50][51-60][61-70][71-80][81-90][91-100][101-110][111-120][121-130][131-140][141-150][151-160][161-170][171-180][181-190][191-200][201-210][211-220][221-230][231-240][241-250][251-260][261-270][271-280][281-290][291-300][301-310][311-320][321-330][331-340][341-350][351-360][361-370][371-380][381-390][391-400][401-410][411-420][421-430][431-440][441-450][451-460][461-470][471-480][481-490][491-500][501-510][511-520][521-530][531-540][541-550][551-560][561-570][571-580][581-590][591-600][601-610][611-620][621-630][631-640][641-650][651-660][661-670][671-680][681-690][691-700][701-710][711-720][721-730][731-740][741-750][751-760][761-770][771-780][781-790][791-800][801-810][811-820][821-830][831-840][841-850][851-860][861-870][871-880][881-890][891-900][901-910][911-920][921-930][931-940][941-950][951-960][961-970][971-980][981-990][991-1000][1001-1010][1011-1020][1021-1030][1031-1040][1041-1050][1051-1060][1061-1070][1071-1080][1081-1090][1091-1100][1101-1110][1111-1120][1121-1130][1131-1140][1141-1150][1151-1160][1161-1170][1171-1180][1181-1190][1191-1200][1201-1210][1211-1220][1221-1230][1231-1240][1241-1250][1251-1260][1261-1270][1271-1280][1281-1290][1291-1300][1301-1310][1311-1320][1321-1330][1331-1340][1341-1350][1351-1360][1361-1370][1371-1380][1381-1390][1391-1400][1401-1410][1411-1420][1421-1430][1431-1440][1441-1450][1451-1460][1461-1470][1471-1480][1481-1490][1491-1500][1501-1510][1511-1520][1521-1530][1531-1540][1541-1550][1551-1560][1561-1570][1571-1580][1581-1590][1591-1600][1601-1610][1611-1620][1621-1627]