Agnone, i rintocchi “storici” delle campane Marinelli

L’Italia, insieme a tutto il mondo della cultura, ha dato inizio alle celebrazioni per il VII centenario dalla morte di Dante.

Ravenna rende omaggio al Sommo Poeta col suono di una campana. Presso la Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone, lo scorso 22 giugno, è stata fusa la prima campana al mondo che ricordi i 700 anni della morte di Dante Alighieri. È stata commissionata dall’ Ordine della Casa Matha di Ravenna ed è lì che sarà presto collocata a memoria della ricorrenza. La storica Associazione è tra le più antiche al mondo, nasce già nel X secolo come “Corporazione dei pescivendoli”con gli obiettivi, più che attuali, di essere punto di riferimento per le attività di pesca e itticoltura, di difendere l’ambiente e promuovere il territorio. Nel 1268 la Corporazione muterà nel nome, ma non negli intenti, divenendo “Casa Matha- Schola Piscatotum Patoreno”.

La campana “Dantesca”è pure dedicata ad un illustre ravennate, il notaio Ser Pier Zardini, membro dell’Ordine dal 1304 al 1348. Che egli sia stato allievo, amico e ospite di Dante nel suo soggiorno a Ravenna, lo testimonia Boccaccio in alcuni racconti.

Il prezioso bronzo suona la nota DO, con un diametro di cm 40, e nasce per espressa volontà di Giovanni Fanti che nel dicembre del 2019 ne espose il progetto. La campana riporta il ritratto del “poeta”, lo stemma ornato d’alloro col motto “Virtus et honor”, dediche ed iscrizioni riferite alla SOCIETA’ DEGLI UOMINI DELLA CASA MATHA DI RAVENNA. Durante la toccante fase della fusione e della colata del bronzo ,la nuova creatura ha ricevuto la santa Benedizione di un illustre testimone, il Nunzio Apostolico messicano S.E. mons. Ramon Castro Castro,in visita alla fonderia.

La campana è stata fatta con la tecnica millenaria che contraddistingue ogni fase della lavorazione nella Fonderia Marinelli, l’azienda artigiana più longeva al mondo. Qui ogni bronzo nasce come opera d’arte unica ed esclusiva, creata espressamente per soddisfare ogni tipo di committenza. Per questo progetto, titolari e le maestranze della Bottega medievale hanno vissuto un’esperienza insolita e particolarmente emozionante perché si sono rapportati con un’istituzione altrettanto antica dedicando l’opera a personalità coeve. La fama e la grandezza di Dante travalicheranno le ere e raggiungeranno l’eternità da lui sommamente descritta. Il bronzo sonante di Agnone ne canterà, ancora per molto tempo, la gloria.

Altri eventi, nel nome di Dante sono in programma tra gli appuntamenti della Marinelli: sono in corso mostre d’arte, talvolta itineranti, in cui sono esposte personalissime statue dello scultore Ettore Marinelli, talentuoso e già espertissimo artista, giovane rappresentante della 27^ generazione nella dinastia dei fonditori agnonesi. Sempre nel tema di Dante, Ettore Marinelli ha preso parte alla rassegna Narni Città Teatro. In omaggio allo straordinario universo dantesco, lo scorso 20 giugno, nel pittoresco chiostro di S. Agostino, l’attore molisano Stefano Sabelli ha recitato passi della Commedia. Un carillon di 29 campane Marinelli, composto e suonato con magiche suggestioni dal maestro Giulio Costanzo, ha caratterizzato l’esecuzione resa ancor più straordinaria dalla performance di Ettore, che in diretta, in poco più di un’ora ha plasmato un intenso ed espressivo busto di Dante tratto da una grande campana di creta apparsa sulla scena.

Precedente Approvato il progetto della Termoli-Lesina Successivo Apre "Molichrom" a Campobasso