Anche dal Molise appello per la legalità in provincia di Foggia

“I fenomeni cruenti dei primi giorni del 2020 nel territorio della provincia di Foggia ci confermano che è stato superato ogni limite da parte della criminalità organizzata con una sfida allo Stato e alle istituzioni democratiche che non può essere tollerata.

Non passa giorno che non si verifichino episodi inquietanti, estorsioni, attentati intimidatori, rapine, racket, pizzo, furti, caporalato, spaccio di stupefacenti, gioco d’azzardo, sfruttamento della prostituzione, vessazioni, minacce, e tentativi di controllare appalti, subappalti, gare pubbliche e forniture di prestazioni, beni e servizi alle amministrazioni statali e agli enti locali. Comuni sciolti per mafia e oltre 300 persone assassinate negli ultimi 20 anni con una ferocia inusitata”.

E’ quanto scrive un coordinamento di associazioni, tra Puglia, Molise, Basilicata e Campania, che sostiene la manifestazione del 10 gennaio a Foggia con “Libera contro le mafie”, in cui tante organizzazioni, anche molisane e sannite, saranno sul posto insieme a Don Luigi Ciotti per dare coraggio ad una popolazione intimidita, allarmata e sfiduciata.

Il coordinamento rivolge un appello al presidente del Consiglio affinché lo Stato riprenda il controllo di quel territorio, ripristini la legalità e garantisca la sicurezza ai cittadini, alle famiglie e alle imprese.

“Il governo, presieduto da un rappresentante della provincia di Foggia, ha il dovere di adottare provvedimenti urgenti ed efficaci come, in via straordinaria, in altri periodi è stato fatto in Sicilia, in Campania e in Calabria in circostanze eccezionalmente simili – scrivono i promotori dell’appello.

“Bisogna potenziare gli organici della magistratura e delle Forze dell’ordine, dotare gli investigatori di strumenti più moderni e sofisticati, riaprire i Tribunali di Lucera e Melfi per garantire una più rapida ed efficiente amministrazione della giustizia finalizzata a riavvicinare lo Stato ai cittadini e a restituire fiducia nelle istituzioni democratiche.

Si effettui un controllo serrato sull’attività della pubblica amministrazione e si proceda a stroncare le centrali di spaccio di stupefacenti e ogni altra azione criminosa, perpetrata in modo sfacciato come il caporalato, la rete della prostituzione, le rapine e i furti, utilizzando esplosivi, o le estorsioni agli esercizi commerciali.

Nelle Forze di Polizia e nella magistratura sono molteplici le competenze maturate sul campo nel contrasto alla criminalità organizzata nell’area foggiana che si estende ben oltre la provincia e coinvolge zone sempre più estese dei territori contermini del Molise, della Campania e della Basilicata.

La risposta dello Stato agli attentati di questi giorni deve ulteriormente essere potenziata e implementata anche al fine di contrastare con maggiore efficacia vecchie e nuove mafie che si mescolano in un coacervo di efferatezze spietate e in cui permangono irrisolti i problemi di lavoro e di diritti che meriterebbero di essere affrontati con efficacia e determinazione”.

L’appello è firmato da Libera contro le Mafie: Anpi:

Molise – Franco Novelli Molise – Loreto Tizzani

Foggia – Sasy Spinelli Foggia – Michele Galante

Basilicata – Gerardo Melchionda Basilicata – Michele Petraroia

Benevento – Michele Martino Benevento – Americo Ciervo

Avellino – Emilia Noviello Avellino – Giovanni Capobianco

Presidio del Vulture/Melfese – Donatina Allamprese

Associazione “Giuseppe Tedeschi” Don Alberto Conti

Presidente Lidia De Sanctis Scuola di Formazione all’Impegno

Coordinatrice Roberta Iacovantuono Sociale e Politico “Paolo Borsellino”

Precedente FotoSintesi, la resilienza degli alberi in uno scatto Successivo Celiaci, governo al lavoro per trattamento omogeneo in tutte le regioni