Associazione “Vivere la Gioia”, un aiuto per i bisognosi

Si chiama “Vivere la Gioia” l’associazione di volontariato nata all’interno della Chiesa Evangelica La Gioia, nel quartiere Magliana a Roma. Grazie all’opera del presidente Fosco Ieva, pastore evangelico, e di alcuni membri della comunità, l’iniziativa incontra l’adesione di sempre più volontari impegnati ad aiutare schiere crescenti di persone in difficoltà, in particolare attraverso la distribuzione di pacchi alimentari.

Per rispondere alle numerose richieste di aiuto e sostegno provenienti dai tanti soggetti disagiati, l’impegno dell’associazione si sviluppa in più percorsi di accoglienza e di supporto alle fasce più deboli della società, senza distinzione di sesso, razza o religione.

L’associazione, infatti, promuove i valori della fratellanza e della solidarietà, della giustizia, della condivisione, della cooperazione e della pace.

Nel periodo della pandemia, l’esigenza di aiuto è cresciuta tantissimo. E nell’ottica dei principi di solidarietà e sostegno e sviluppo del territorio, l’associazione, la cui sede operativa è in via Pieve Fosciana 112, assiste tutte quelle persone che si trovano in uno stato di necessità sociale e materiale e che, in seguito a momenti di difficoltà, riscontrano gravi e seri problemi di inserimento nelle comunità.

In particolare in queste settimane sono frequenti le distribuzioni collettive di pacchi alimentari a centinaia di persone ordinatamente in fila. Sono oltre un migliaio le persone assistite dall’associazione.

Gli aiuti alle famiglie di Roma ed i servizi alla persona offerti dall’associazione “Vivere la Gioia” sono molteplici e diversi a seconda dei bisogni dei singoli.

L’accoglienza per le persone che quotidianamente entrano in contatto con la comunità prevede l’ascolto attento delle necessità del singolo individuo per poter identificare nell’immediato problemi e soluzioni.

Per ulteriori informazioni: www.viverelagioia.it.

Precedente L'addio a Milva, artista colta e raffinata Successivo 25 aprile, l'Anpi ricorda due partigiani molisani