Bed and breakfast: crollo di prenotazioni

Anche il settore dei bed and breakfast risente del clima generato dal coronavirus.

Un sito del settore ha rilevato l’accentuarsi della crisi appena dopo il weekend del 21-23 febbraio.

Se precedentemente circa un quarto delle attività denunciata il momento di crisi (25,3 per cento), con il boom del coronavirus tale percentuale ha raggiunto circa i tre quarti (73,6 per cento).

Per quanto riguarda le cancellazioni, sempre secondo questa ricerca, il 25 febbraio hanno investito il 71,4 per cento delle strutture.

Causa la crisi, cala invece il rifiuto di prenotazioni dalla Cina.

Sempre secondo il sito Bed-and-Breakfast.it, la maggior parte degli operatori – 63,6 per cento – è convinto che l’emergenza continuerà nelle prossime settimane. Se ciò dovesse continuare, un 22 per cento potrebbe chiudere la struttura.

Precedente Forche Caudine: attività "congelata" causa coronavirus Successivo Ricordiamoci dell'acqua pubblica