Bojano (Cb), passeggiata all’eremo di Sant’Egidio

All’antico cenobio dei Templari, tra sentieri antichi e bellezze mozzafiato, dove lo spirito incontra la materia. Sarà suor Margherita a parlare dell’Arte di Comunicare per il Bene, per le ormai famose Conferenze Camminanti che caratterizzano gli eventi MMXX. Al via l’edizione 2021 da San Massimo a Bojano. Martedi’ 27 luglio si parte alle 8.30 da Bojano. Raduno alle 9.00 a San Massimo Località Pianelle

Una passeggiata socio-naturalistica tra le montagne del Matese. Un cammino da percorrere lentamente per poter ammirare il paesaggio circostante, selvaggio e silenzioso, tra rilievi e vallate, alture e strapiombi, praterie e ripidi costoni rocciosi, boschi di quercia, di castagno, tra muschi, felci, licheni, trigni, lamponi, ciclamini, rosa canina e altre essenze della flora della media montagna appenninica molisana, dove sperimentare le emozioni forti del contatto con la natura incontaminata e bellissima della regione

L’eremo di Sant’Egidio si staglia nel mezzo di una verde altura del Matese a 1025 metri di quota, un cenobio del IX secolo ad opera dei Cistercensi o dei Templari. E’ la Via degli Eremi di Molise Noblesse, il Movimento per la Grande Bellezza, organizzata da Centro Studi Agorà, Filitalia International e UCI con Ippocrates, Casa Molise, Servizio Civile Nazionale e la testata giornalistica Un Mondo d’Italiani.

La Via degli Eremi a Sant’Egidio  si terrà martedì 27 luglio 2021, con partenza alle ore 08.30 da Bojano in p.zza G. Paolo II davanti alla Redazione UMDI) e alle ore 9.00 da località Pianelle di San Massimo, lungo la strada per Campitello Matese. L’evento targago Molise Noblesse, riconosce, ama e veicola la magnificenza, l’incanto, il fascino, l’armonia e la piacevolezza dell’ambiente e della storia locale.

Le Conferenze Camminanti

L’evento sarà accompagnato dalle conferenze ambulanti di Mina Cappussi, direttrice di “Un Mondo d’Italiani International Daily Magazine”. Mariantonietta Romano, presidente della “Via Micaelica Molisana” ed infine Suor Margherita, la religiosa eremita che ha scelto l’incanto del Matese con una relazione su “L’Arte di Comunicare per il Bene”.

L’evento fa parte del ciclo “I Popoli Italici”. In segreteria organizzativa Lisa Iacovantuono, Alessandro Alberico, Lorenzo Cappussi. Ufficio Stampa: Sabina Iadarola, Eliza Kiemiesz. Social Web: Luna Moscatiello, Francesca Perrella, Franco Iadarola. Grafica Eliana Cappussi

L’evento è aperto a tutte/i e si svolgerà in rispetto delle normative antiCovid e del distanziamento sociale. Si consiglia di munirsi di scarpe da trekking, abbigliamento comodo, mascherina, panino e acqua, crema solare ed antizanzare. L’organizzazione si esonera da qualsiasi responsabilità per il mancato rispetto delle direttive sopra indicate.

__________________________________

Precedente Sardegna, l'omaggio alla "molisana" Carla Gravina Successivo "Voci dal Molise" di Gioconda Marinelli e Maria Stella Rossi