Capracotta (Is), il sindaco rassicura: “Nessuna cementificazione a Prato Gentile”

“Siamo nell’era dei social network e, purtroppo, anche in quella delle fake news, per cui basta poco per sollevare polveroni e, qualche volta, creare anche degli inutili allarmismi”. E’ quanto scrive Candido Paglione, sindaco di Capracotta, in un post, rassicurando che “nessuna cementificazione selvaggia è prevista a Prato Gentile”.

“A Capracotta, da alcuni mesi siamo impegnati a preparare, dopo aver ottenuto un importante finanziamento, le proposte progettuali per realizzare alcuni interventi che miglioreranno sensibilmente l’offerta turistica del Comprensorio di Prato Gentile – spiega il sindaco. “Questi interventi consentiranno, tra l’altro, ai nostri impianti per la pratica dello sci di fondo di ottenere il riconoscimento di Centro Federale da parte della Federazione Italiana degli Sport Invernali. Le opere che saranno realizzate sono: l’adeguamento del Rifugio di Prato Gentile, la realizzazione dell’impianto per l’innevamento artificiale e la realizzazione di una pista di skiroll”.

Paglione ricorda che “circa due anni fa l’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto la visita del presidente Roda, ha incontrato la cittadinanza in un’affollata assemblea pubblica, proprio per informare in merito alle iniziative in itinere per lo sviluppo del turismo invernale”.

A breve ci sarà un’altra assemblea per fare il punto sullo stato dell’arte in merito al riconoscimento del Centro Federale per lo Sci di Fondo a Prato Gentile. E tra qualche settimana Capracotta avrà di nuovo la visita del presidente della FISI, Flavio Roda.

“L’evoluzione continua delle attività sportive sciistiche e, nello specifico, quelle riguardanti lo sci di fondo, per le quali – come è noto ai più, ma evidentemente non a tutti – Capracotta è notevolmente vocata, ci pone nelle condizioni di programmare l’adeguamento delle infrastrutture esistenti – continua il sindaco. “In ordine a tale esigenza si rende necessario disporre nell’area sciistica di Prato Gentile anche di un circuito per la pratica dello skiroll, a livello sia agonistico che turistico”.


“Si prevede, pertanto, di adeguare una parte della pista esistente con rivestimento del fondo con un tappeto compatibile sia dal punto di vista ambientale e paesaggistico che per l’uso delle rotelle degli sci per la pratica dello skiroll – precisa Paglione.

E conclude: “La nostra amministrazione ha fatto la scelta di guardare al futuro e di rilanciare con l’obiettivo di creare i presupposti per un nuovo inizio dello sci di fondo a Prato Gentile. Perché nessuno di noi si sognerebbe mai di provocare danni o scempi a quello che è il luogo simbolo per tutta la nostra comunità. Peccato che qualche anno fa, quando fu deciso di “chiudere” l’accesso al pianoro – con una scelta urbanistica molto discutibile – nessuno di quelli che oggi gridano allo scandalo allora mosse una sola critica. Andiamo avanti con il senso di responsabilità che ci indica la rotta tutti i giorni e invitiamo tutti quelli che hanno a cuore il futuro del nostro paese a dare il loro contributo, in modo consapevole e informato e, soprattutto, senza pregiudizi. Dunque, ripeto, faremo tutto con il pieno e totale rispetto dell’ambiente. Invito tutti a leggere le relazioni tecniche, disponibili presso il Comune”.

Precedente Roma, domani scuole chiuse Successivo Molisani in Toscana: la "voce" di Liana Marino