Domenico Iannacone (“Che ci faccio qui”) stasera e la prossima settimana nel Sannio e in Molise

Domenico Iannacone, il bravo giornalista molisano che con la trasmissione “Che ci faccio qui” tratta con delicatezza e vera e propria poesia tante storie di emarginazione, nella puntata di questa sera sarà in Irpinia, nel Sannio e in Molise per soffermarsi sul dissanguamento migratorio e su paesi diventati preda del silenzio.

E c’è una domanda centrale: dopo che la pandemia ha sconvolto le nostre vite, come possiamo ripartire? Soprattutto, i piccoli paesi hanno ancora un ruolo, cosa li può salvare? “Che ci faccio qui” di domenica 21 giugno, alle 20.30, su Raitre, propone “Da casa tua a casa mia”, un viaggio in due puntate nell’Italia che ha ripreso a muovere i primi passi dopo il coronavirus.

Insieme a Franco Arminio, il poeta paesologo, Domenico Iannacone percorre le strade che dall’Irpinia portano al Sannio. Partendo da Bisaccia, paese natale del poeta, per arrivare a Torella del Sannio, che ha visto nascere il giornalista, che ha anche origini di Frosolone (madre).

Un viaggio in cui si attraversano i luoghi di un’Italia minore a 40 anni dal terremoto dell’Irpinia, da una ferita mai rimarginata al presente di una pandemia che ha stravolto le nostre vite.

Franco Arminio e Domenico Iannacone, con gli occhi di chi in quei luoghi è nato, posano il loro sguardo sull’umanità dei piccoli paesi, per raccontare come la chiusura li abbia trasformati e come da questa tragedia si potrebbe – forse -rinascere.

Precedente Castellitto racconta il "suo" Molise su Vanity Fair Successivo La crisi Covid e le nuove generazioni