Flavio Bucci: l’eterno Ligabue

Flavio Bucci in “Ligabue”

Flavio Bucci è nato il 25 maggio 1947 a Torino da padre di Casacalenda (Campobasso).
Attore nonché importante doppiatore, ha frequentato la Scuola del teatro Stabile di Torino ed ha esordito nel cinema nel 1971 con “La classe operaia va in paradiso” di Elio Petri. Ha quindi recitato in “L’amante dell’orsa maggiore” del 1972 e in “La proprietà non è più un furto” del 1973, cui hanno fatto seguito: “L’ultimo treno della notte” (1975), “I giorni della chimera” (1975), “L’orca” (1976), “L’Agnese va a morire” (1976), “Suspiria” (1977), “Una spirale di nebbia” (1977) e
“Dove volano i corvi d’argento” (1977). Ha quindi raggiunto il grande successo nel 1978 con la produzione televisiva “Ligabue” diretta da Salvatore Nocita, anno in cui ha anche prodotto il primo lungometraggio di Nanni Moretti, “Ecce Bombo”.
A seguire: “Gegè Bellavista” (1978), “Ammazzare il tempo” (1979), l’importante “Maledetti vi amerò” (1980), “Uomini e no” (1980), “Il marchese del Grillo” con Alberto Sordi (1981), “Matlosa” (1981), “La montagna magica” (1982), “Der Zauberberg” (1982), “L’inceneritore” (1982), “Sogno di una notte d’estate” (1983), “La Piovra 1” (1984), “Tex Willer e il signore degli abissi” (1985), “Le due vite di Mattia Pascal” (1985), “La donna delle meraviglie” (1985), “La posta in gioco” (1987), “Il giorno prima” (1987), “Secondo Ponzio Pilato” (1987), “Com’è dura l’avventura” (1988), “Pierino stecchino” (1992), “Teste rasate” (1992), “Anni 90” (1992), “Amami” (1992), “Quando le montagne finiscono” (1994), “Fratelli coltelli” (1997), “La carabina” (1997), “Frigidaire – Il film” (1998), “I miei più cari amici” (1998), “Lucignolo” (1999), “Muzungu” (1999), “Hotel Dajti – Una storia al di là del mare” (2000), “Volesse il cielo!” (2001), “Lettere al vento” (2002), “Caterina va in città” (2003). In televisione è stato tra i protagonisti, oltre che del già ricordato “Ligabue”, degli sceneggiati “Circuito chiuso” (Rai, 1977), “Martin Eden” (Rai, 1979), “Il prete di Caltagirone” (Rai, 1980), “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” di Piero Schivazappa (Rai, 1982), “Il caso Graziosi” (Rai, 1982), “La Piovra” (Rai, 1984), “La zia di Frankenstein” (Rai, 1986), “I Promessi Sposi” (Rai, 1989) di Salvatore Nocita e “Provincia segreta” (Rai, 1998) e delle serie “Garibaldi il generale” (Rai, 1987), “La dottoressa Giò” (Retequattro, 1997) e “La dottoressa Giò 2” (Retequattro, 1998).

Flavio Bucci in “La proprietà non è più un furto”

Ma Flavio Bucci è soprattutto un grandissimo attore teatrale.
Lungo l’elenco delle produzioni teatrali cui ha preso parte (molte delle quali scritte da lui). Su tutte “Diario di un pazzo” (1975, 1984, 1989, 1993). Ma ricordiamo anche: “Arcitreno” (1968), “Pee Gynt” (1969), “Amleto” (1969), “Tre scimmie in un bicchiere” (1969), “Arrabal e la guerra” (1969), “La commedia cuteraria” (1972), “Cuore di cane” (1972), “I masnadieri” (1975), “Don Chisciotte” (1978), “Memorie di un clown” (1982), “Il re muore” (1984), “Lorenzaccio” (1985), “Lo strano mondo di Alex” (1986) “Ce ce” (1988), “La patente” (1988), “Ditegli sempre di sì” (1989), “Giganti della montagna” (1989), “Empedocle” (1990), “L’uomo, la bestia, la virtù” (1990), “Il borghese gentiluomo” (1991), “Antigone” (1991), “Bellavita e amicizia” (1991), “Il fu Mattia Pascal” (1993), “Sogno di una notte incantata d’estate” (1993), “Uno, nessuno, centomila” (1995, 1998), “Rudens” (1996), “Chi ha paura di Virginia Woolf?” (1998), “Venga a prendere il caffè da noi” (2000), “Caro bugiardo” (2000), “Adorabile Giulia” (2001), “Riccardo III” (2003).
Importante ricordare anche la sua attività di doppiatore, che ha la sua gemma nella voce italiana di John Travolta (Tony Manero) nel film “La febbre del sabato sera” del 1977, lavorando anche in “Grease” (Danny Zuko) nel 1978.
Ha doppiato anche Gerard Depardieu (Giovanni) in “L’ultima donna” e Miki Manoljlovic (Marko) in “Underground”.
Ha lasciato il segno anche in un telefilm di culto: è la voce di Anson Williams (Warren “Potsie” Weber) in “Happy Days”.

Film
La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
L’amante dell’Orsa Maggiore, regia di Valentino Orsini (1972)
Il generale dorme in piedi, regia di Francesco Massaro – non accreditato (1972)
La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973)
L’ultimo treno della notte, regia di Aldo Lado (1975)
I giorni della chimera, regia di Franco Corona (1975)
La orca, regia di Eriprando Visconti (1976)
L’Agnese va a morire, regia di Giuliano Montaldo (1976)
Italian Superman, episodio di Quelle strane occasioni, regia di Nanni Loy (1976)
Suspiria, regia di Dario Argento (1977)
Una spirale di nebbia, regia di Eriprando Visconti (1977)
Dove volano i corvi d’argento, regia di Piero Livi (1977)
Gegè Bellavita, regia di Pasquale Festa Campanile (1978)
Ammazzare il tempo, regia di Mimmo Rafele (1979)
Maledetti vi amerò, regia di Marco Tullio Giordana (1980)
Matlosa (Matlosa), regia di Villi Hermann (1981)
Uomini e no, regia di Valentino Orsini (1981)
Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
La montagna incantata, regia di Hans W. Geissendörfer (1982)
L’inceneritore, regia di Pier Francesco Boscaro dagli Ambrosi (1982)
Sogno di una notte d’estate, regia di Gabriele Salvatores (1983)
Le due vite di Mattia Pascal, regia di Mario Monicelli (1985)
Tex e il signore degli abissi, regia di Duccio Tessari (1985)
La donna delle meraviglie, regia di Alberto Bevilacqua (1985)
Il giorno prima, regia di Giuliano Montaldo (1987)
Pehavý Max a strasidlá, regia di Juraj Jakubisko (1987)
Il mistero del panino assassino, regia di Giancarlo Soldi (1987)
Secondo Ponzio Pilato, regia di Luigi Magni (1987)
Com’è dura l’avventura, regia di Flavio Mogherini (1987)
La posta in gioco, regia di Sergio Nasca (1988)
Anni 90, regia di Enrico Oldoini (1992)
Amami, regia di Bruno Colella (1993)
Teste rasate, regia di Claudio Fragasso (1993)
Quando le montagne finiscono, regia di Daniele Carnacina (1994)
Fratelli coltelli, regia di Maurizio Ponzi (1997)
La carabina, regia di Sergio Russo – cortometraggio (1997)
I miei più cari amici, regia di Alessandro Benvenuti (1998)
Frigidaire – Il film, regia di Giorgio Fabris (1998)
Lucignolo, regia di Massimo Ceccherini (1999)
Muzungu, regia di Massimo Martelli (1999)
Volesse il cielo!, regia di Vincenzo Salemme (2002)
Hotel Dajti, regia di Carmine Fornari (2002)
Lettere al vento, regia di Edmond Budina (2003)
Caterina va in città, regia di Paolo Virzì (2003)
Il silenzio dell’allodola, regia di David Ballerini (2005)
L’uomo spezzato, regia di Stefano Calvagna (2005)
Lezioni di volo, regia di Francesca Archibugi (2007)
La morte di pietra, regia di Roberto Lippolis (2008)
Il divo, regia di Paolo Sorrentino (2008)
Mai altri, regia di Fabio Perroni – cortometraggio (2008)
Fly Light, regia di Roberto Lippolis (2009)
Border Line, regia di Roberto Lippolis (2010)
La scomparsa di Patò, regia di Rocco Mortelliti (2010)
La grande rabbia, regia di Claudio Fragasso (2016)
Il vangelo secondo Mattei, regia di Antonio Andrisani e Pascal Zullino (2016)
Agadah, regia di Alberto Rondalli (2017)
La cornice, regia di Nour Aya (2018)

Precedente Emilio Bonucci: quelle radici ronconiane... Successivo Sangiuliano, direttore del Tg2: "Xi Jinping è il nuovo Mao”