Franco Caracciolo, l’unico uomo Ragazza Coccodè

Franco Caracciolo

Franco Caracciolo, pseudonimo di Francesco Sergianni Caracciolo, attore cinematografico e unico uomo delle Ragazze Coccodè nella trasmissione-cult “Indietro tutta” con Renzo Arbore, era nato a San Martino in Pensilis (Campobasso) il 6 marzo 1944. E’ deceduto a Roma all’Ospedale Spallanzani il 3 novembre 1992 a soli 48 anni per le complicazioni dell’Aids.
Il padre, Marcello Caracciolo, laureato in legge, lettere e filosofia, è stato capo-sezione al ministero dell’Educazione Nazionale nel periodo fascista.
Franco ha cominciato a frequentare fin da giovane Cinecittà, dove è stato notato da Federico Fellini.
Il regista riminese lo vorrà in “8½” (1963), “Satyricon” (1969), “Roma” (1972) e nell’episodio “Toby Dammit”, inserito nel film collettivo “Tre passi nel delirio” (1968).
Ha lavorato a lungo con Oreste Lionello nella compagnia de Il Bagaglino, fondato da Castellacci e Pingitore.
Nel 1990 è entrato a far parte, in sostituzione di Tito LeDuc, delle Sorelle Bandiera.
Malato di Aids, la sua ultima apparizione cinematografica è nel film “Vacanze di Natale ’91” di Enrico Oldoini.
E’ sepolto nel cimitero di Prima Porta a Roma.


Filmografia
La giornata dell’onorevole, episodio de I mostri, regia di Dino Risi (1963)
8½, regia di Federico Fellini (1963)
Il profeta, regia di Dino Risi (1968)
Splendori e miserie di Madame Royale, regia di Vittorio Caprioli (1970)
La coda dello scorpione, regia di Sergio Martino (1971)
La morte accarezza a mezzanotte, regia di Luciano Ercoli (1972)
La Tosca, regia di Luigi Magni (1973)
Labbra di lurido blu, regia di Giulio Petroni (1975)
Prima notte di nozze, regia di Corrado Prisco (1976)
Remo e Romolo – Storia di due figli di una lupa, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1976)
Quel pomeriggio maledetto, regia di Mario Siciliano (1977)
La soldatessa alla visita militare, regia di Nando Cicero (1977)
Nerone, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1977)
La soldatessa alle grandi manovre, regia di Nando Cicero (1978)
Quando c’era lui… caro lei!, regia di Giancarlo Santi (1978)
Suor Omicidi, regia di Giulio Berruti (1978)
Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective, regia di Bruno Corbucci (1979)
Assassinio sul Tevere, regia di Bruno Corbucci (1979)
Dove vai se il vizietto non ce l’hai?, regia di Marino Girolami (1979)
L’imbranato, regia di Pier Francesco Pingitore (1979)
Ciao marziano, regia di Pier Francesco Pingitore (1980)
La compagna di viaggio, regia di Ferdinando Baldi (1980)
Quando la coppia scoppia, regia di Steno (1980)
Tutta da scoprire, regia di Giuliano Carnimeo (1981)
Pierino medico della SAUB, regia di Giuliano Carnimeo (1981)
Il conte Tacchia, regia di Sergio Corbucci (1982)
Violenza in un carcere femminile, regia di Bruno Mattei e Claudio Fragasso (1982)
Eccezzziunale… veramente, regia di Carlo Vanzina (1982)
Vigili e vigilesse, regia di Franco Prosperi (1982)
Dio li fa poi li accoppia, regia di Steno (1982)
Pierino colpisce ancora, regia di Marino Girolami (1982)
Si ringrazia la regione Puglia per averci fornito i milanesi, regia di Mariano Laurenti (1982)
Grunt! – La clava è uguale per tutti, regia di Andy Luotto (1982)
Più bello di così si muore, regia di Pasquale Festa Campanile (1982)
Il tifoso, l’arbitro e il calciatore, regia di Pier Francesco Pingitore (1983)
L’allenatore nel pallone, regia di Sergio Martino (1984)
Delitto al Blue Gay, regia di Bruno Corbucci (1984)
Cenerentola ’80, regia di Roberto Malenotti (1984)
Mi faccia causa, regia di Steno (1984)
Mezzo destro mezzo sinistro – 2 calciatori senza pallone, regia di Sergio Martino (1985)
Il ragazzo del Pony Express, regia di Franco Amurri (1986)
Ad un passo dall’aurora, regia di Mario Bianchi (1989)
Pierino torna a scuola, regia di Mariano Laurenti (1990)
Vacanze di Natale ’91, regia di Enrico Oldoini (1991)

Precedente PIERO CAPPUCCILLI, il baritono per antonomasia Successivo Antonio Cardarelli: il medico del Mezzogiorno