Giro d’Italia: il Molise non esiste

Un bel giro per tutta Italia ed un bel buco: il Molise. Nel corso della classica “corsa rosa” per polarizza appassionati di ciclismo – e non solo – da Vieste, in Puglia, si passa direttamente a San Salvo, nel basso Abruzzo. Sembra quasi una scelta voluta quella di tagliare fuori la più piccola regione del Sud, che proprio con la classica corsa del ciclismo italiano negli anni passati ha goduto di un minimo di notorietà, seppur per poche ore. In particolare con qualche arrivo in salita a Campitello Matese. Quest’anno, invece, niente. Evidentemente il peso della Regione – sia con la minuscola sia con la maiuscola – è sempre amaramente più inconsistente.

Per la cronaca, va meglio addirittura all’Ungheria. La partenza, infatti, avverrà da Budapest con una cronometro individuale di 8,6 chilometri all’interno della capitale ungherese fino al Palazzo Reale, posto sulla collina di Buda. Ci saranno poi la Budapest-Gyor e la Szekesfehervar-Nagykaniska, entrambe dedicate ai velocisti. Si giungerà poi in Italia, partendo dalla Sicilia (Monreale-Agrigento, Enna-Etna e Catania-Villafranca Tirrena. Si passerà poi in Calabria, da Mileto a Camignatello Silano, poi Castrovillari-Brindisi, quindi approdo in Puglia tramite la Basilicata, quindi la Giovinazzo-Vieste che chiuderà la prima settimana tutta meridionale.

La seconda settimana vedrà il salto del Molise per aprire in Abruzzo martedì 19 maggio con la San Salvo-Tortoreto Lido, poi Marche e Romagna con Porto San’Elpidio-Rimini, quindi Cesenatico-Cesenatico, e Cervia-Monselice, con ingresso quindi in Veneto.

La quattordicesima tappa, denominata “Prosecco Superiore Wine stage”, bel piatto forte di marketing per il vino del momento, con una cronometro individuale su e giù dalle colline trevigiane da Conegliano a Valdobbiadene. Si chiuderà domenica 24 maggio con la frazione che partirà dalla base aerea delle Frecce Tricolori da Rivolto a Piancavallo.

Ultima settimana: Udine-San Daniele del Friuli, anche il Friuli è servito. Poi Bassano del Grappa-Madonna di Campiglio, con il Monte Bondone e il Passo Daurone prima della salita conclusiva. Quindi Pinzolo-Laghi di Cancano, con il passo dello Stelvio. Direzione Piemonte con la Morbegno-Asti. Penultima tappa da Alba a Sestriere (Colle dell’Agnello, Izoard, Monginevro, Sestriere). Il Giro 2020 terminerà con la cronometro individuale da Cernusco sul Naviglio a Milano; frazione piatta di 16,5 chilometri. Il Giro de-molisizzato è servito. Toma per tutti.

Precedente "La Notizia" di Pedullà denuncia "zero trasparenza" in Molise Successivo Federcasalinghe, nasce il progetto "Donne.it"