I boschi più belli: c’è anche il Molise

L’autunno è ufficialmente arrivato e ha portato con sé i suoi colori magici che scaldano il cuore. Il giallo, l’arancione, il rosso e l’ambra che tingono le chiome degli alberi, sono un invito a immergersi nella natura, per escursioni emozionanti nelle giornate dalle temperature miti.

Il nostro Paese vanta una grande varietà di boschi e parchi che invitano allo straordinario spettacolo del foliage e alla scoperta di nuovi itinerari, prelibati funghi e primizie di stagione.

Ecco una selezione dei boschi più belli effettuata da Ella Studio, luoghi dove ammirare lo show di Madre Natura. Tra i boschi prescelti, lo studio emiliano ha inserito anche il Molise. Ecco il dettaglio:

  • Parco Regionale Boschi di Carrega. Emilia Romagna<br>Per chi ama passeggiare o andare in bici in mezzo alla natura, ma allo stesso tempo vuole fare una visita culturale, ecco la meta perfetta a soli 15 km da Parma: il Parco Regionale Boschi di Carrega, un parco monumentale che ospita ville e palazzi storici. Tra questi spicca il Casino de Boschi dove dimorò occasionalmente Maria Luigia. Il bosco, punteggiato da cerri e castagni, è ricco di sentieri che conducono anche a bellissimi laghetti. Gli occhi più attenti, durante il percorso, possono scovare le ampolle di Blowinginthewoods, appese agli alberi, che contengono dei messaggi da leggere e fotografare. Val d’Ega.
  • Alto Adige/Südtirol
    Tra le imponenti vette del Latemar e del Catinaccio a soli 20 minuti da Bolzano, si trova l’affascinante Val d’Ega. La sua natura, colorata dall’autunno, lascia senza fiato di fronte al magnifico spettacolo delle Dolomiti. Nei boschi che coprono circa il 70% della superficie compresa tra Catinaccio/Rosengarten e Latemar si sviluppano gran parte dei 500 km di sentieri per escursioni a piedi o in mountain bike. Una delle mete top è il lago di Carezza, dai colori magici. La Val d’Ega inoltre vanta una perfetta posizione sul versante delle Dolomiti che il sole bacia più a lungo, per potersi godere tante ore di sole fino ad autunno inoltrato.
  • Capracotta, bosco di Prato Gentile. Molise
    A pochi minuti di macchina da Capracotta si raggiunge il bosco di Prato Gentile, nel cuore dell’Appennino molisano, la cui radura è circondata da un faggeto che, in questo periodo dell’anno, è colorato dalle sfumature del foliage. È un luogo dedito non solo a rilassanti passeggiate ma anche a gustosi pic-nic o una pausa in baita. Qui si snodano diversi sentieri, sia pianeggianti per le famiglie sia più impegnativi per gli esperti che vogliono godere di un bellissimo panorama. Per i più piccoli a disposizione un parco avventura ben attrezzato. A soli venti minuti in auto si può raggiungere Castel del Giudice per soggiornare nell’albergo diffuso Borgotufi o per una pausa golosa al ristorante Il Tartufo.
     
  • Parco dell’Aveto, Lago delle Lame. Liguria
    A poco più di un’ora e mezza da Genova si trova il Parco dell’Aveto che copre una delle aree naturalistiche più importanti dell’intero Appennino Ligure. È ricco di una grande varietà floristica, tra castagneti, noccioleti, ma anche faggi e querce. La perla di questo meraviglioso parco però è il magico Lago delle Lame situato a 1048 metri di altitudine ed è uno dei pochi laghi glaciali della Liguria. È proprio in autunno, infatti, che questo lago riflette tutti i colori del foliage e cambia forme e colori insieme ad essi. Tra i tipici colori autunnali come il rosso, l’arancione e il giallo, spicca il verde degli abeti che esaltano lo spettacolo naturale.
  • Foresta Umbra. Puglia
    In provincia di Vieste, nel Parco Nazionale del Gargano, si trova la riserva naturale Foresta Umbra il cui nome è dovuto alla fitta vegetazione che la rende molto ombrosa. Faggi, querce, aceri e agrifogli si colorano di tonalità caldissime da ammirare durante le passeggiate. La foresta vanta anche di una grande quantità di alberi secolari come, ad esempio, lo Zeppino dello Scorzone, un pino d’Aleppo di ben 700 anni. I sentieri ben segnalati si possono percorrere anche in famiglia, e sono a dispozione diverse aree dedicate a pic-nic e ristoro.
Precedente Il 10 ottobre la "domenica di carta": biblioteche aperte Successivo Guardialfiera (Cb), successo per la Giornata delle poesia