Il centenario emigrato in Germania che ricorda Capracotta

Donato Pollice, molisano di Capracotta, è uno dei più anziani migranti italiani in Germania. Tra pochi mesi compirà 100 anni. Dal 1960 vive nel Baden Württemberg, e qui ha raccontato la sua storia a Radio Colonia.

“Donato Pollice è una persona piena di energie e di vita: coltiva ancora il suo orto e, ogni anno, affronta in macchina il lungo viaggio fino a Capracotta, il suo paese natale. Qui, a 1400 metri d’altezza in provincia di Isernia, è nato il 3 ottobre 1920 – è la presentazione che fa la radio tedesca.

Il racconto di vita è emozionante. Ad otto anni è stato mandato dal padre in Puglia per fare il pastore. Ha trascorso anni difficili, in solitudine, confinato tra le campagne, gli animali e la dura terra da coltivare. Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale è già sotto le armi, arruolato in un reparto di artiglieria contraerea. Inviato in Libia, è stato fatto prigioniero dagli americani e mandato, come internato militare, a lavorare in Gran Bretagna.

Al suo rientro in Italia ha ripreso prima il lavoro nelle campagne e poi come spaccapietre non lontano dal suo paese. Si è quindi sposato, ha messo su famiglia, sono nati due figli, ma la condizioni economiche sono state sempre troppo precarie e incerte. Ed è così che nella primavera del 1960, a quasi quarant‘anni, ha deciso di mettersi in viaggio verso la Germania.

Dichiarato idoneo alla visita al centro di reclutamento di Verona, è stato destinato ad una cava di pietre a Raumünzach, piccolo centro a 1700 metri d’altezza nella Foresta Nera. Ci è rimasto otto mesi, fino alla fine del suo contratto stagionale, alloggiato in una baracca senza acqua corrente e servizi igienici. Nonostante abbia guadagnato bene, quel lavoro non faceva per lui. E così si è cercato un’altra occupazione fino a quando non è stato assunto in una fabbrica di carta.

Nonostante gli esordi della sua permanenza in Germania non sono stati idilliaci, Donato Pollice assicura di non essersi mai pentito di aver lasciato il Molise per costruirsi in Germania una nuova vita.

Per approfondire il ritratto di Donato Pollice cliccare sul seguente link:

Domani vi raccontiamo la storia di Donato Pollice, che nel 1960 è arrivato in Germania dal Molise e fra pochi mesi compirà 100 anni! 😮 L'ha incontrato per noi Luciana Mella.

Gepostet von Cosmo – Radio Colonia am Dienstag, 30. Juni 2020

https://www1.wdr.de/radio/cosmo/programm/sendungen/radio-colonia/italmondo/donato-pollice-100.html

Precedente Lodevole iniziativa: una ciclovia lungo la costa molisana Successivo Larino, riprese le attività al centro "Il Melograno"