Il Gruppo D’Andrea, dal Molise un leader mondiale

Il gruppo D’Andrea, leader mondiale nella produzione di accessori di alta precisione per macchine utensili, votato all’innovazione e alle soluzioni pioneristiche in un settore estremamente competitivo e tecnico, ha avviato percorsi virtuosi di riduzione dei costi energetici e di mitigazione degli impatti ambientali per gli stabilimenti di Lainate (Milano) e Castel del Giudice (Isernia). Tra questi l’impianto fotovoltaico sulla copertura del capannone di Lainate della potenza di 95.55kWp che dal 2013 ha portato un risparmio medio annuo di circa 110.000 kWh per un beneficio ambientale cumulato di oltre 77 tonnellate di petrolio equivalente.

La riqualificazione dello stabilimento molisano di Castel del Giudice, di circa 1.500 metri quadrati, prevedeva invece un virtuoso intervento globale di riqualificazione per ridurre i consumi energetici e un nuovo impianto di climatizzazione per incrementare il comfort dei dipendenti.

Per questo D’Andrea Molise srl ha scelto l’affiancamento di Consulenza e Risorse, società indipendente nata dall’unione di un team multidisciplinare con esperienze maturate nei settori della finanza applicata ai processi aziendali, competenze trasversali e una rete di partner qualificati.

Con gli specialisti di Consulenza e Risorse D’Andrea Molise ha scelto un approccio di efficientamento complessivo del sito, risolvendo le problematiche tecniche, reperendo gli strumenti finanziari necessari a ridurre i tempi di pay-back e mirando a un ritorno immediato su qualità del lavoro e comfort per i dipendenti.

“Avevamo già sperimentato il valore aggiunto dell’apporto di Consulenza e Risorse nel contesto dell’investimento per l’industria 4.0 sull’impianto di Lainate, ambito nel quale abbiamo investito oltre 3 milioni di euro. Il loro approccio alla sostenibilità finanziaria e ambientale dei progetti oltre alle loro competenze ci hanno convinti a individuarli come partner di riferimento anche per questa iniziativa – racconta Marino D’Andrea, membro del consiglio di amministrazione di D’Andrea Molise srl.

Consulenza e Risorse ha redatto la diagnosi energetica ai sensi della UNI EN 16247-3 per la valorizzazione degli investimenti. Il consumo di energia è stato indicizzato al quantitativo di acciaio lavorato, concentrandosi sui servizi a più alti margini di miglioramento e sulla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Questo ha portato alla progettazione preliminare e alla valutazione degli investimenti per due interventi:

  • un impianto di produzione di energia fotovoltaica per una potenza di 114 kWp
  • un impianto ad alta efficienza con sistemi pompa di calore VRV per il nuovo sistema di climatizzazione

Approvato il piano, Consulenza e Risorse ha individuato e trovato soluzioni di sostenibilità finanziaria in una misura del POR FESR della Regione Molise per la riduzione dei consumi energetici nelle PMI e nell’adesione al conto termico. Il progetto dell’impianto fotovoltaico è stato quindi in parte co-finanziato con fondi della programmazione 2014-2020, mentre la sostituzione dell’impianto a metano con il nuovo sistema VRV è stato candidato sul Conto Termico, lo strumento del GSE per il riconoscimento di un contributo fino al 65% sulla spesa per gli interventi di riduzione dei consumi di energia.

Nel 2019 sono stati realizzati entrambi gli interventi e nel primo trimestre 2020 è stata ultimato l’iter di connessione con e-distribuzione per l’allaccio alla rete elettrica nazionale dell’impianto fotovoltaico. Entrambi i progetti si sono distinti per l’elevato grado di innovazione nei sistemi di controllo e di monitoraggio delle performance. L’impianto fotovoltaico controlla ogni coppia di pannelli con un sistema di comunicazione che ne verifica il reale output e consente all’inverter della sezione di ottimizzare il profilo di produzione. L’impianto di climatizzazione con tecnologia VRV controlla in tempo reale il carico delle 6 unità esterne e delle 6 unità interne con un sistema di gestione controllabile da remoto anche dalla sede di Lainate. I parametri di comfort di umidità e temperatura sono sotto continuo controllo e le delicate operazioni sugli impianti a controllo numerico da parte dei dipendenti avvengono in un clima sicuramente più favorevole.

In sintesi, l’impianto fotovoltaico di 114,03 kWp garantisce la produzione media annua di circa 150.000 kWh di energia elettrica, da fonte completamente rinnovabile, per un risparmio di 62 tonnellate di CO2 equivalenti. Lo stesso impianto fotovoltaico assicura l’energia elettrica per il sistema di climatizzazione a pompa di calore e abbatte i consumi annui di metano di circa 6500 metri cubi, per un risparmio concreto di energia da fonte fossile corrispondente a 12,6 tonnellate di CO2 non emesse in atmosfera.

“Oggi, con un investimento di oltre 170.000 € per l’impianto fotovoltaico e di 115.000 € per l’impianto di climatizzazione, lo stabilimento di Castel del Giudice è più efficiente, più confortevole per i dipendenti e soprattutto ha ridotto la sua impronta ambientale consentendo un risparmio medio annuo di oltre 70 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera. Un risultato che rende orgogliosa Consulenza e Risorse al pari della direzione del Gruppo d’Andrea – sintetizza Luigi Jovacchini, CIO di Consulenza e Risorse.

Precedente Le "espressioni esistenziali" colte da Umberto Berardo Successivo Berlusconi e il Covid, l’ennesima battaglia