Il molisano Cornacchione a teatro a Roma

In Molise c’è stato solo qualche anno, da bambino, dopo la nascita. Poi Antonio Cornacchione, cabarettista, ha fatto fortuna soprattutto a Milano, dove s’è trasferito molto giovane.

Torna a Roma questo comico celebre per le parodie di Silvio Berlusconi. Ha debuttato venerdì 29 novembre 2019 al Teatro de’ Servi – via del Mortaro 22, all’angolo con via del Tritone – con la pièce di Francesco Freyrie, Andrea Zalone e sua “L’ho fatto per il mio paese”, regia di Daniele Sala ed interpretato dall’attore molisano insieme a Ippolita Baldini.

Cornacchione interpreta il ruolo di uno squattrinato Don Chisciotte accompagnato da Ippolita Baldini, che interpreta la ministra. In scena una fotografia dei nostri giorni incerti.

Si immagini da una parte un Don Chisciotte senza soldi sempre comicamente in lotta con la vita, con la disdetta dell’affitto in una tasca e la lettera di licenziamento nell’altra; così disilluso che decide di compiere un gesto folle e disperato: rapire la ministra e nasconderla in cantina. Lo fa per sé, per la sua pensione. Ma soprattutto lo fa per il suo Paese. Dall’altra la ministra, stimata docente universitaria, sposata con un finanziere ricchissimo, che vive secondo valori solidi e tradizionali. è scesa in politica solo per fare un favore al suo paese… ma un po’ anche a se stessa. Dall’urto di questi due mondi si scatenerà la tragicommedia più appassionata, folle e contemporanea a cui abbiate mai assistito… dai tempi dell’ultima crisi di governo.

Cornacchione ha iniziato la carriera come autore delle sceneggiature di alcuni fumetti, come Topolino e Tiramolla, quindi si è orientato verso il mondo del teatro e del cabaret. Ha partecipato al programma “Su la testa” di Raitre e, nel 1991, ha debuttato al teatro Zelig di Milano con Paolo Rossi, Gianni Palladino, Aldo, Giovanni e Giacomo. Nel 1992 è stato ospite del Maurizio Costanzo Show. Nel 1992 ha vinto il premio Forte dei Marmi per la satira politica. Nel 1998 è entrato a far parte nel cast della sit-com “Casa Vianello” come “portiere” di casa.

Nel 1999 ha avuto una piccola parte allo spettacolo “Tel chi el telùn” di Aldo, Giovanni e Giacomo.

Nel 2002 ha partecipato allo spettacolo satirico “Cult” prodotto da Zelig. In tv è stato a “Zelig Off”, “Crozza Italia” e “Che tempo che fa” , “Zelig Circus”.

Il suo più celebre tormentone è stato “Povero Silvio!”, titolo di due suoi libri. Ha vissuto a Pavia, a Como e a Milano dove abita tuttora.

“L’ho fatto per il mio paese” di Francesco Freyrie, Andrea Zalone e Antonio Cornacchione (regia: Daniele Sala; interpreti: Antonio Cornacchione – Benny – e Ippolita Baldini – la ministra -; produzione: La Bilancia) rimarrà in scena al Teatro de’ Servi fino a domenica 15 dicembre 2019.

La stagione del Teatro de’ Servi proseguirà con “Mamma balli con me?” di Monica Luigini e Paolo Pioppini, regia di Alessandro Moser, interpreti Monica Luigini, Paolo Pioppini, Antonia Di Francesco, Tommaso Paolucci, Erica Picchi, Angela Ruggiero. In scena da venerdì 20 dicembre 2019 a domenica 5 gennaio 2020.

Poi “L’Uomo perfetto” di Mauro Graiani e Riccardo Irrera, regia di Diego Ruiz, interpreti Milena Miconi, Nadia Rinaldi, Thomas Santu. In scena da venerdì 10 a domenica 26 gennaio 2020.

A seguire “Uno di voi” di Roberto Marafante, regia di Roberto Marafante, interpreti Mirko Corradini, Andrea Deanesi, Giuliano Comin, Maria Giulia Scarcella. In scena da venerdì 31 gennaio a domenica 16 febbraio 2020.

Quindi “Direzione Laurentina”, regia di Pietro de Silva, interpreti Fatima Ali, Daniele Antonini, Antonia Di Francesco, Simone Giacinti, Veronica Liberale, Francesca Pausilli, spettacolo vincitore del Premio Comic Off 2018 e che sarà in scena da venerdì 21 febbraio a domenica 8 marzo 2020.

In primavera: “Una zitella da sposare”, regia di Marco Simeoli, interpreti Valeria Monetti, Alessandro Tirocchi, Maurizio Paniconi, Daniele Derogatis. In scena da venerdì 13 a domenica 29 marzo 2020.

Poi “Finché amianto non ci separi”, regia di Antonio Grosso, interpreti Carlotta Ballarini, Giuseppe Renzo, Antonio Romano. In scena da venerdì 3 a domenica 19 aprile 2020.

Quindi “Quattro amici fanno due coppie” di Adriano Bennicelli, regia di Michele La Ginestra, interpreti Claudia Campagnola, Andrea Perrozzi, Ketty Roselli, Alessandro Salvatori. In scena da venerdì 24 aprile a domenica 10 maggio 2020.

Infine “Tutti i grandi amori… in 90 minuti” di Claudio Pallottini, regia di Claudio Pallottini, interpreti Marco Simeoli, Francesca Nunzi, Thomas Santu. In scena da venerdì 15 a domenica 31 maggio 2020.

Precedente Olio e turismo, legame da valorizzare Successivo Venafro (Isernia) conquista l’Internazionale