Il senatore molisano Ortis incontra Tridico (Inps)

“Ho incontrato il presidente nazionale dell’Inps, Pasquale Tridico, con il quale abbiamo fatto il punto sull’erogazione delle misure legate all’emergenza Covid-19”.

Lo rende noto il portavoce al Senato del MoVimento 5 Stelle, il molisano Fabrizio Ortis, in qualità di componente dell’Intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica.

“Due i temi al centro dell’incontro – spiega il senatore – la questione delle erogazioni delle integrazioni salariali ai lavoratori e l’evoluzione digitale dell’Istituto di previdenza. Per quanto riguarda il primo aspetto, Tridico mi ha riferito che, al 7 luglio, il numero di casse integrazioni pagate è di circa 7,3 milioni, su un totale di circa 7,6 milioni. Il numero di lavoratori che non ha mai preso almeno un pagamento, sulle domande presentate entro il 31 maggio, è 9.850. Sulla base di domande regolarmente presentate dopo il 31 maggio, sono in attesa di essere pagati 165.576 lavoratori, che tuttavia hanno già ricevuto almeno un pagamento riferito a integrazioni mensili di periodi precedenti (sulla scorta dei modelli SR41 ricevuti fino al 31 maggio). In ragione di questo, sulla base delle domande regolarmente presentate, i lavoratori che non hanno ricevuto almeno un pagamento al 7 luglio sono 89.004, per la maggior parte però (79.154) sono domande ricevute a giugno. In totale, in termini di beneficiari si tratta di 3.031.495 pagati su 3.120.499 di lavoratori. Su 1.334.905 domande presentate al 31 maggio, sono giacenti 22.965 non autorizzate a causa di interlocuzione con aziende, ovvero l’1,8% di giacenze contro un autorizzato del 98,2%. Le domande totali presentate al 9 luglio sono 1.570.042; le domande autorizzate sono 1.380.700, pari al 92,6% delle domande regolari; sono ancora da definire e in corso di accertamento 109.853 domande, la maggior parte delle quali presentate quindi a giugno e a luglio. Insomma, la platea dei beneficiari è stata coperta per la gran parte, anche se – com’è giusto che sia – restano da sistemare le situazioni pendenti, in via di definizione”.

Per quanto riguarda invece l’aspetto delle nuove tecnologie, particolarmente caro al senatore, con il presidente Tridico è stato affrontato anche il tema del Piano Strategico Digitale in fase di avvio, che dal 2020 al 2025 definirà le linee di innovazione e la strategia per l’evoluzione digitale dell’Inps. “La necessità di migliorare i processi digitali è trasversale a tutti i settori italiani – ha sottolineato Ortis – e di fondamentale importanza per avvicinare i cittadini allo Stato, velocizzare l’espletamento delle pratiche ed evitare problemi di prestazioni o di sicurezza informatica”.

“Nei prossimi giorni – ha concluso – insieme alla collega senatrice Mantovani lavoreremo con l’Intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica per coadiuvare l’Istituto in questa importante fase di rinnovamento”.

Precedente Termoli, presentato il programma per la festa di San Basso Successivo Se la promozione la fa Chiara Ferragni...