John Lynch, il George Best dello schermo


John Lynch è un attore, regista e scrittore nordirlandese con madre molisana di Trivento.
Nato a Corrinshego il 26 dicembre 1961, ha frequentato il collegio St Colman’s a Newry, trasferendosi poi a Londra per studiare recitazione al Central School of Speech and Drama.
Esordio come attore nel film “Cal” del 1988, dove interpreta un terrorista dell’Ira.
Nel 1993 ancora un film sul terrorismo in Irlanda del Nord, “Nel nome del padre”, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino.
Nel 2000 è attore e sceneggiatore del film “Best” dedicato alla leggenda del calcio inglese George Best.

Film
Cal, regia di Pat O’Connor (1984)
Hardware – Metallo letale (Hardware), regia di Richard Stanley (1990)
Edoardo II, regia di Derek Jarman (1991)
L’uomo della stazione (The Railway Station Man), regia di Michael Whyte (1992)
Il giardino segreto (The Secret Garden), regia di Agnieszka Holland (1993)
Nel nome del padre (In the Name of the Father), regia di Jim Sheridan (1993)
Il segreto dell’isola di Roan (The Secret of Roan Inish), regia di John Sayles (1994)
Angel Baby, regia di Michael Rymer (1995)
Niente di personale (Nothing Personal), regia di Thaddeus O’Sullivan (1995)
La principessa degli intrighi (Princess Caraboo), regia di Michael Austin (1994)
Una scelta d’amore (Some Mother’s Son), regia di Terry George (1996)
Moll Flanders, regia di Pen Densham (1997)
Fra odio e amore (This Is the Sea), regia di Mary McGuckian (1997)
Sliding Doors, regia di Peter Howitt (1998)
The Quarry – La cava ((The Quarry), regia di Marion Hänsel (1998)
Best, regia di Mary McGuckian (2002)
Evelyn, regia di Bruce Beresford (2002)
Cacciatore di alieni (Alien Hunter), regia di Ron Krauss (2003)
Isolation – La fattoria del terrore (2005)
Lassie, regia di Charles Sturridge (2005)
Holy Water, regia di Tom Reeve (2009)
Five Day Shelter, regia di Ger Leonard (2010)
Möbius, regia di Éric Rochant (2013)
Detour – Fuori controllo (Detour), regia di Christopher Smith (2016)
Terre selvagge (Pilgrimage), regia di Brendan Muldowney (2017)

Precedente Luigi Luciano, in arte Herbert Ballerina Successivo Nello Malizia, il portiere del Perugia dei miracoli