La fama “zen” del Molise

Come sempre, i Giochi Olimpici regalano a tutti i Paesi partecipanti gioie, emozioni, delusioni, rammarichi, soddisfazioni e orgogli. Il Giappone, che è il Paese più elegante ed educato del mondo, ci ha dispensato quella che, per un popolo melodrammatico come il nostro, è una vera medicina dell’anima: pianti di felicità. “Quant’ è bello piangere di felicità” ha detto la divina Federica.

Del resto, grazie a De Coubertin (l’importante non è vincere ma partecipare), è andata bene proprio a tutti. Perfino a San Marino (61 chilometri quadrati, 33mila abitanti, due medaglie) e figuratevi che soperchieria avremmo percepito se anche questo nostro piccolo lembo d’Italia non avesse piazzato per la prima volta una sua stellina a illuminare il più antico dei firmamenti sportivi.

Tutti gli italiani, da Bolzano a Marsala, hanno esultato per il bronzo di Maria Centracchio, la molisana che, dopo la sconfitta subita in semifinale dalla slovena Trstenjak, ha battuto una malgascia, un’ungherese, una polacca e infine atterrato la rocciosa olandese Franssen.

Ma non basta. La premiata judoka di Isernia, figlia d’arte (“io e mio padre ci capiamo con lo sguardo”), una capatosta con anni di sacrifici alle spalle, condannata a non far salire di un grammo l’ago della sua bilancia, afflitta da una mononucleosi e poi dal Covid, ha fatto qualcosa di più: insieme alla sua fierezza sportiva ha urlato anche quella che nutre per la sua terra con parole – “Il Molise esiste e mena forte” – che nessuno meglio di lei poteva permettersi.

E quella sua ostentata baldanza ha colpito a tal punto da essere divenuta oggetto di raffronto mentale con le grandi star olimpiche colpite da depressione e crisi di panico. E così su Il Foglio è apparso un sarcastico articolo dal titolo “Simon Biles, Naomi Osaka e un peso troppo grande da portare. Fortuna che il Molise mena forte”, il cui autore, Maurizio Crippa, ha scritto con chiaro riferimento alla Centracchio: “è una fortuna che ci sono anche donne meno star, ma capaci di tenere botta”.

Tenere botta è stata del resto la cifra marcatamente femminile di questa Olimpiade tutta da vedere. Le tre centometriste jamaicane prime, seconde e terze, le staffette miste uomo-donna, le stoccate della scherma, le frecce centrate sui dieci, fino agli ultimi disperati colpi di braccia, di remi, di pugni e di gambe in piscina, su laghi, fiumi, circuiti, ring, trapezi e su quella soffice stuoia che è il tatami dove il Molise s’è guadagnata la sua piccola fama zen.

Molti si lagnavano dei pochi ori e dei troppi bronzi, quasi che i bronzi fossero una moneta di consolazione per un proletariato olimpico e non, come ricordava Orazio, l’Aere perennius, il metallo più resistente.

Poi però è finita che nelle ultime, avvincenti ore dei Giochi arriva per l’Italia il Golden boom: due ori da urlo, nel salto in alto e addirittura nei cento metri che è la regina delle gare di ogni Olimpiade.

Questa di Tokyo è stata dunque una bella, salutare e mondiale abbuffata di patriottismo, quello legato all’amore per la propria terra (cioè il contrario del nazionalismo, quello che vede sempre in cagnesco le terre degli altri).

(Giuseppe Tabasso)

Precedente Per uscire dalla pandemia e dalla crisi economica Successivo Apicoltura: giornata a Roccavivara (Cb)