“La Zanzara”: “Che razza di regione è il Molise?”

Una telefonata di insulti contro Giuseppe Cruciani, il noto conduttore del programma di successo “La Zanzara”, da parte di un’ascoltatrice, Melinda, che difende il reddito di cittadinanza, per lei una vera e propria ciambella di salvataggio. E precisa di chiamare dal Molise, definendola “una regionetta dimenticata da tutti” e aggiungendo che “per sua fortuna” lei “non è molisana” ma purtroppo ci vive. E che “qui non ci trova un lavoro”.

Un momento della trasmissione radiofonica
“La Zanzara” (foto Zanzara Republic)

E’ l’assist per aprire un dibattito molto polemico, com’è nelle corde della trasmissione, sull’inutilità del Molise, regione che secondo Cruciani andrebbe cancellata, con la voce fuori campo che conferma dicendo che è solo una burocrazia con un numero ridicolo di abitanti, per quanto bellissimo.

Per l’ennesima volta si assiste al “fuoco di fila” contro il Molise a causa soprattutto dell’incapacità di farne conoscere e apprezzare gli elementi culturali, relegato unicamente a sagre di paese e caciocavalli.

C’è da tenere presente che “La Zanzara” è una trasmissione di punta della programmazione radiofonica si Radio 24, condotta da Giuseppe Cruciani e David Parenzo. Forse sono sufficienti pochi secondi di fango sul Molise gettati dalla trasmissione per cancellare quei tentativi di promozione in atto. Ma, a ben vedere, il problema del numero dei residenti resta cruciale, specie perché continuano a scendere drasticamente e “giustificare” l’ampio apparato burocratico sarà sempre più difficile. Insomma, al di là degli insulti, il problema d’identità esiste eccome. E non saranno i caciocavalli, nemmeno autoctoni e con latte probabilmente proveniente dall’Est Europa, a salvarci.

Precedente Apre "Molichrom" a Campobasso Successivo Il latte, “l’acqua vestita da sposa”