L’architetto Massimo Angelone di Isernia candidato a Roma (VII Municipio)

L’architetto Massimo Angelone

E’ nato a Campobasso e cresciuto ad Isernia, dove ha frequentato il liceo scientifico “Ettore Majorana” prima di trasferirsi a Roma. Massimo Angelone, 46 anni, è candidato al VII Municipio del Comune di Roma con la lista Calenda Sindaco.

“Cosa mi ha spinto a decidere di candidarmi? L’entusiasmo e la competenza di Carlo Calenda. Con lui abbiamo lavorato tanti mesi a creare un programma serio e fattibile e non solo vuoti slogan. La vecchia amministrazione ha fallito su tanti problemi, ora è arrivato il momento di cambiare. Sarò candidato al VII Municipio e affronterò questa battaglia con Paola Pieravanti una ex docente e una persona straordinaria che con me da mesi segue i disastri e le dinamiche di questo nostro malandato Municipio. Io e Paola sapremo essere quella risorsa che manca”. Queste, in sintesi, le motivazioni di una scelta stimolante e impegnativa.

Residente a Roma nel quartiere Appio, da sempre estremamente attento alle problematiche del quartiere, è abbinato con Francesco Carpano, candidato al Comune. L’obiettivo: amministrare con competenza, sin dal primo giorno, il Comune e il Municipio. “Con Francesco Carpano c’è sintonia su tutto e sarà per entrambi una collaborazione seria e profonda su tutti i temi che tratteremo – spiega l’architetto Angelone. “Sono sereno che Francesco al Comune saprà raccogliere tutti i problemi del nostro Municipio e sarà una valido supporto”.

Professionalmente, Angelone per tre anni si è occupato dei testi per i programmi di Rai Educational, dal 2014 ha operato come founder & general manager per M.A. Food & Beverage marketing consulting, ruolo svolto fino a dicembre 2018. Da allora ha creato la Angelone marketing & interior consulting, che si occupa di consulenza aziendale. È anche export manager per lo studio legale internazionale “Legal GB Law Firm”. E’ referente della direzione generale Confindustria Ucraina per il Lazio e Molise presso Confindustria Ucraina.

Ha avuto esperienze politiche, come militante semplice ed organizzatori, con formazioni politiche di centrosinistra. Ritiene che Carlo Calenda possa rappresentare la migliore opportunità per una svolta realmente credibile e qualificata per Roma. E’ legatissimo al Molise, dove rientra spesso: ha contatti anche con i vertici istituzionali e sogna di poter contribuire a valorizzare la propria terra anche nell’ambito capitolino.

Precedente Antonello Ciancio, moglie di Campobasso, candidato Pd al Comune di Roma Successivo Roma, incontro sull’identità territoriale