Le “api di comunità” dell’Alto Molise

L’apiario di Castel del Giudice (Isernia)

Il 20 maggio 2022 è il World Bee Day indetto dalle Nazioni Unite, un giorno dedicato alle api. Doverosa l’indicazione “molisana” per andare a vivere coinvolgenti esperienze con i preziosi insetti che ci donano cibo, biodiversità, miele e futuro. 

Preziosissime ed instancabili, le api sono le paladine dell’ambiente, il termometro della biodiversità, il motore dei sistemi alimentari sostenibili. Con i loro voli sui fiori, garantiscono circa il 75 per cento della produzione di cibo nel mondo e il futuro del pianeta. Ma i loro equilibri sono a rischio, minacciati da una sinergia di cause, tra cui l’agricoltura intensiva, l’uso di pesticidi, i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, le malattie apistiche.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di tutelare le api e gli insetti impollinatori, il 20 maggio 2022 si celebra la World Bee Day, la Giornata Mondiale delle Api, indetta dalle Nazioni Unite. Occasione per conoscerle da vicino, sperimentare come si pratica l’apicoltura, e comprendere quanto siano fondamentali per la nostra esistenza e per quella del pianeta, partecipando a coinvolgenti esperienze, da vivere in viaggio.

In Molise, una delle regioni con la più alta biodiversità d’Italia, l’Apiario di Comunità di Castel del Giudice (Isernia), borgo al confine tra l’Alto Molise e l’Abruzzo simbolo di resilienza delle aree interne dell’Appennino, invita a scoprire i segreti del mondo delle api, organizzando visite esperienziali tra le arnie colorate. Guidati dagli apicoltori e vestiti di maschere e guanti, i visitatori praticano apicoltura, esplorando il modo in cui le api collaborano per raccogliere nettare e polline, per costruire i favi, per occuparsi della loro famiglia e dell’ape regina, e quanto sono preziose per la tutela dell’ambiente e la produzione del buon cibo. In estate è possibile anche sperimentare le attività di smielatura. 

Le api dell’Apiario di Comunità favoriscono l’impollinazione dei meleti biologici Melise, nati da terreni recuperati dall’abbandono, e delle coltivazioni agricole di questo territorio immerso tra boschi e montagne, che con il Piano del Cibo si è dotato di una politica alimentare a favore dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. Il miele millefiori dell’Apiario di Comunità di Castel del Giudice è protagonista a colazione dell’albergo diffuso Borgotufi – che riapre il 1° luglio 2022 -, nato da stalle e fienili nella zona rurale del paese, ed è uno dei prodotti tipici che rendono speciale questo luogo, tra mele biologiche, patate viola e birra agricola fatta con l’orzo coltivato sul posto. (Borgotufi: Tel. 0865 946820, www.borgotufi.it – Apiario di Comunità: Tel. 3381474128/ 3383509092).

Precedente Molise, i migliori extravergini secondo Slow Food Successivo Guglionesi (Cb), si presenta "Carne viva" di Nadia Verdile