Mare, Tintilia e ospitalità: Termoli si organizza per l’estate

Tre giorni di tour e animazione per il Basso Molise. Con una dozzina di giornalisti. Una girandola di incontri con i produttori locali, visite alle eccellenze storiche e artistiche del territorio, convegni per confrontarsi sul futuro e premiazioni che equivalgono al ritorno delle relazioni umane e dell’aggregazione. Termoli, con il suo fascino antico, si offre così, con quella straordinaria voglia di ripartire che investe l’umanità intera e che presenta un’esigenza particolare nei luoghi tradizionalmente vocati al turismo come la costa molisana.

Un momento della cerimonia di premiazione

La cerimonia conclusiva del press-tour 2021 ha visto una serata mondana nella prestigiosa location di Villa Livia, affacciata sul mare tra palme agitate dal vento che accompagna il tramonto sull’Adriatico. A presenziare l’evento, la partecipazione di numerosi giornalisti italiani specializzati in turismo ed enogastronomia. Licia Colò, che ha firmato un servizio su Termoli e il Molise andato in onda più volte su La7, ha inviato un videomessaggio trasmesso su maxischermo.

Protagonisti della serata i produttori della Tintilia, il vino simbolo del Molise, ormai entrato di diritto nel panel delle eccellenze internazionali del comparto enologico. Il progetto “Tintilia Wine Club”, presentato dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo (Aast) guidata dall’onorevole Remo Di Giandomenico, intende proprio rafforzare il ruolo di portabandiera assunto dal vitigno autoctono molisano. L’iniziativa ha visto anche un focus sul “turismo sostenibile” con le relazioni dell’assessore regionale al ramo Vincenzo Cotugno, dell’assessore regionale all’Agricoltura Nicola Cavaliere, della docente esperta di turismo Roberta Garibaldi, e di Marco Zollo, progettista di marketing territoriale.

Panorama di Termoli (Campobasso) – foto di Giovanni Castellotti

Cotugno ha parlato di “cauto ottimismo” in merito alla promozione e valorizzazione del territorio nel momento in cui il Molise entra in “zona bianca”. Ha anticipato: “I risultati stanno arrivando, noi ci crediamo fino in fondo”. Luciano De Bonis, presidente del corso di laurea in Scienze turistiche dell’Unimol di Termoli, ha annunciato l’apertura a partnenariati internazionali.

I riconoscimenti giornalistici per articoli pubblicati nel 2020 sono andati a Isabella Brega, caporedattore centrale di riviste e siti Touring Club Italiano, Raffaella Martinotti, channel manager, sezione viaggi del Tgcom24, e Camilla Rocca, giornalista di “So Wine So Food”.

Il concorso “Le Giovani Penne”, riservato ai ragazzi fino ai 25 anni che si sono cimentati sull’ambiente molisano, ha visto l’affermazione di Giovanni Castellotti, studente diciottenne di Roma, che si è aggiudicato la pregevole targa in vetro istoriato, un diploma e un viaggio-premio, primo tra la quarantina di partecipanti.

Il castello di Termoli
(foto di Giovanni Castellotti)

Altri riconoscimenti locali all’agenzia Ansa (Luca Prosperi), a Raitre Molise (Antonio Lupo), all’imprenditore Fabrizio Vincitorio presidente di “Moleasy”, la rete degli alberghi diffusi del Molise, all’Università del Molise e alla giornalista radiofonica Rossella Iannone.

Alla manifestazione hanno preso parte numerosi amministratori comunali della provincia di Campobasso e imprenditori enogastronomici del territorio. Il barman Charles Flaminio ha presentato i due cocktail ideati per l’evento: il “Tintilia cocktail” e il “Negroni tintiliato”.

Giovanni Castellotti intervistato dalla Rai

IL SERVIZIO DELLA TGR MOLISE RAI

ANSA

TGCOM 24 MEDIASET

PRIMONUMERO

TERMOLI ONLINE

NEWS DELLA VALLE

MY NEWS

MOLISE NEWS 24

Precedente Concorso "Città del vino": bene l'Abruzzo, male il Molise Successivo Covid: il parere del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie