Matera con i riflettori del mondo

Splendido panorama di Matera

La famosa auto di James Bond si muove sicura lungo la strada che da Sapri arriva a Maratea, tra rocce a strapiombo, vegetazione e mare. Il paesaggio mozzafiato introduce lo spettatore alla magia di Matera. Muri di pietra e tufo, vicoli stretti che salgono e scendono su più livelli, le case grotta di lusso, fino all’affaccio sul belvedere che offre una vista spettacolare su piazza Vittorio Veneto. E poi ancora Piazzetta Pascoli, i rioni Civita e Sasso Caveoso, fino a piazza Duomo, dove Daniel Craig fugge in sella alla moto.

Il cuore di Matera

Sono ben 20 minuti quelli dedicati alla città lucana, in una delle sequenze più lunghe e adrenaliniche dell’ultimo “No time to die” di Cary Joji Fukunaga della celebre saga di James Bond. Sotto i riflettori del mondo, Matera e Maratea vengono consacrate nuovamente destinazioni glamour dalla presenza del James Bond di Daniel Craig.

Matera non è nuova al cinema. La luce del sole che avvolge le caratteristiche case di pietra colora il paesaggio facendolo somigliare alle costruzioni della Palestina e ne fa una location ideale per il cinema religioso. Da “Il Vangelo Secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini a “The Nativity Story” di Catherine Hardwicke, fino a “The Passion” di Mel Gibson.

Ma l’unicità della città, tra le più antiche al mondo, e la bellezza del paesaggio lucano, aspro e dolce insieme, hanno fatto sì che la Basilicata fosse scelta negli anni da numerosi registi per pellicole di vario genere, come “Io non ho paura” di Gabriele Salvatores e “Basilicata coast to coast” di Rocco Papaleo.

Maratea

Dal ponte tibetano più lungo del mondo all’antico ponte sulla via Appia 586 metri di lunghezza e 80 metri di altezza dal suolo, oltre 24 tonnellate di acciaio, 1.160 passi nel vuoto. Sono i numeri del ponte tibetano più lungo del mondo: il ponte di Castelsaraceno, che unisce il Parco nazionale Appennino Lucano al Parco del Pollino in Basilicata.

Inaugurato nell’estate 2021, il ponte percorre in senso longitudinale il canyon del Racanello in un contesto paesaggistico molto suggestivo. Maestoso e leggero allo stesso tempo, il ponte è da percorrere con passo lento, per godersi il panorama mozzafiato e per ammirare la fantastica opera ingegneristica realizzata.

L’ingresso al ponte tibetano è completamente automatizzato, la percorrenza dura circa 1 ora, a senso unico, assicurati all’apposita linea vita mediante uno speciale moschettone di ultima generazione. Il ritorno si effettua tramite un comodo e ampio sentiero sterrato che offre un’ulteriore e spettacolare vista laterale del ponte in tutta la sua lunghezza e imponenza. Un’esperienza emozionante e autentica, da vivere almeno una volta nella vita, in completa sicurezza grazie a un sistema di controllo degli accessi automatizzato.

Un altro ponte, questa volta di pietra, ha fatto molto parlare di sé. Si tratta dell’antico ponte della via Appia, celato per secoli da una vegetazione incontaminata e riportato alla luce qualche tempo fa. Una straordinaria scoperta che permette di ammirare uno snodo viario fondamentale dell’Impero Romano.

Un territorio, quello lucano, estremamente vario di paesaggi naturali e attrazioni che parlano direttamente al cuore, suscitando emozioni uniche. In pochi chilometri si passa dai monti appenninici alla pianura, dalle coste sabbiose dello Ionio alle scogliere del Tirreno, dalla natura incontaminata dei parchi alle città d’arte. Ed è proprio grazie a questa diversità e ricchezza che è possibile vivere esperienze outdoor uniche, seguire itinerari tematici sempre diversi, scoprire la storia dei luoghi attraverso strumenti innovativi e coinvolgenti come app e games. Il tutto naturalmente condito da una cucina dal sapore autentico e genuino, che dà un tocco in più alla vacanza.

Ferrandina

La Basilicata è fatta anche di tanti piccoli borghi, affascinanti e suggestivi, paesini arroccati, addossati alla montagna, testimonianze della storia che celano fortezze e castelli, chiese e monasteri. Castelmezzano, Melfi, Venosa, Pietrapertosa, Craco, Policoro, Acerenza, Stigliano, Guardia Perticara, Aliano, Rotondella… l’elenco è davvero lungo!

Il patrimonio culturale della Basilicata comprende tesori storici e artistici, musei archeologici e tematici, parchi letterari, pinacoteche, osservatori e planetari. Gli appassionati di storia e arte trovano in questa regione un territorio ricco di itinerari e proposte culturali tutte da scoprire.

Una vacanza in Basilicata è un’immersione nella natura più autentica e incontaminata. Dalle numerose aree protette ai suggestivi calanchi, distese di prati e campi assolati: il paesaggio naturale lucano è una continua scoperta. Sono due i parchi nazionali, il Parco del Pollino e il Parco dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, e tre quelli regionali, il Parco Naturale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, il Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano e il Parco del Vulture. Recente è il riconoscimento Unesco della Foresta di Cozzo Ferriero nel Parco nazionale del Pollino grazie alla presenza del Pino loricato. Dedicato proprio ai parchi della Basilicata,

Craco

Numerose sono le riserve naturali come l’Abetina di Laurenzana, il Bosco Pantano di Policoro, le aree del Lago Laudemio, del Lago Pantano di Pignola, dei Laghi di Monticchio, fino all’Oasi WWF Lago di San Giuliano. Imponente è il sistema delle dighe, da quella di San Giuliano, con la vicina oasi faunistica sul Bradano, al lago di pietra del Pertusillo, sull’Agri, fino all’impianto di Monte Cotugno, a Senise, che trasforma il Sinni in un lago.

Impossibile parlare di Basilicata senza soffermarsi sulle sue coste che offrono paesaggi così vari e diversi da accontentare davvero tutti i gusti. Le spiagge ampie e sabbiose e i lidi attrezzati caratterizzano la costa ionica che si sviluppa per ben 35 km da Metaponto a Nova Siri. Nella costa tirrenica, invece, promontori a picco sul mare si alternano a piccole calette, grotte marine e profondi fondali marini, perfetti per la pesca subacquea. Ad accomunare entrambe le coste, l’acqua cristallina e gli eventi che animano soprattutto il periodo estivo.

Maratea

Un territorio naturale così vario offre un’ampia proposta sportiva, dalle passeggiate a piedi, in bici e in mountain bike, alle escursioni a cavallo, e ancora parapendio, orienteering, arrampicate su coste rocciose, rafting e torrentismo. Tra le esperienze assolutamente da non perdere: la via ferrata al Cristo Redentore di Maratea, inaugurata di recente, offre una vista spettacolare!

Sapori genuini, profumi intensi e colori invitanti contraddistinguono la cucina lucana. Tradizioni culinarie antiche e ingredienti di prima qualità si combinano insieme per offrire un’esperienza enogastronomica da ricordare. Qualche esempio? La Lucanica e il prosciutto di Marsicovetere con il pane di Matera Igp, il caciocavallo podolico lucano DOP, il Pecorino di Filiano DOP e il Canestrato di Moliterno da accompagnare magari al miele. E poi ancora i Peperoni “cruschi” di Senise Igp, il Fagiolo di Rotonda Dop e i Fagioli di Sarconi Igp, la melanzana di Rotonda e le Olive nere di Ferrandina. Senza dimenticare il Pistacchio di Stigliano e il Marroncino di Melfi.

Terra di oli e vini, tipici sono l’olio EVO Lucano IGP e l’Olio Extravergine di Oliva “Vulture” Dop, il Vino Terre dell’Alta Val d’Agri DOC, il Grottino di Roccanova DOC, il Matera DOC e l’Aglianico del Vulture DOC e DOCG.

La Basilicata è anche una regione a passo con i tempi ed estremamente tecnologica. Sono numerose le app che interessano il territorio, utili per visitarlo e scoprirlo in tutti i suoi aspetti. Sicuramente tra le più scaricate c’è l’app Basilicata Freetomove dedicata al cicloturismo: 1.729 km percorribili tra i meravigliosi paesaggi lucani, con un itinerario premiato da Legambiente nazionale in occasione dell’Oscar italiano del cicloturismo.

Una vera rivoluzione è rappresentata anche da Minecraft, il videogame tra i più diffusi al mondo. Grazie alla nuova mappa “Metapontum”, attraverso il gioco si compie un viaggio alla scoperta delle bellezze del Metapontino, partendo dalle incontaminate spiagge affacciate sul mar Jonio fino ai luoghi della Magna Grecia, in un susseguirsi di entusiasmanti sfide e missioni da risolvere.

Un modo nuovo e divertente per farsi conoscere come destinazione turistica anche ai più giovani, mettendo in luce quelle eccellenze culturali e paesaggistiche che sono la ricchezza della Basilicata.

Info: APT Basilicata, tel. 0971 507611 – www.basilicataturistica.com – www.aptbasilicata.it

Panorama di Matera

Per approfondire la conoscenza della città lucana che è stata capitale europea della cultura nel 2019, ci si può affidare anche a MateraCulturale.it, la realtà che propone itinerari culturali, percorsi che stimolano la curiosità per approdare alla conoscenza della storia lucana nei suoi momenti e nelle sue forme più importanti. Un viaggio coinvolgente che partendo dalla preistoria prosegue con il racconto della Magna Grecia, dell’epoca romana, del Medioevo, della civiltà contadina o ancora la geologia delle gravine e fenomeni carsici, l’habitat rupestre con le sue 160 chiese scavate nella roccia calcarea, i sistemi arcaici di canalizzazione e raccolta delle acque piovane.

Tutto ciò, viene raccontato attraverso testimonianze archeologiche, architettoniche e paesaggistiche importanti grazie alla preparazione e alla professionalità delle guide turistiche autorizzate dalla Regione Basilicata che accompagnano il visitatore in assoluta sicurezza verso gli scorci più suggestivi della città di Matera e del territorio lucano.

Matera Culturale si occupa, inoltre, della prenotazione di musei e siti d’interesse storico, artistico, archeologico ed antropologico, di garantire assistenza nei vari aspetti organizzativi della vostra visita e di predisporre le procedure regionali per la richiesta di rimborsi speciali per i gruppi di visitatori che scelgono di conoscere la Basilicata.

Scegliere la Città dei Sassi come meta del viaggio significa visitare un importante sito Unesco, ricco di fascino e di storia.

Maggiori informazioni: cell. 328-6985891, [email protected]

Precedente Casarano (Lecce) e la cultura paleocristiana Successivo Muro Lucano (Potenza), "presepe" di montagna