Molise, torna “Poietika” (virtuale)

Da martedì 19 maggio alle 19.00, con la partecipazione straordinaria dell’ex ministro per i Beni, le attività culturali e il turismo del governo Letta Massimo Bray, fino al 30 giugno, Fondazione Molise Cultura e Regione Molise presentano Poietika Next StArt, un ricco cartellone di appuntamenti social, una nutrita serie di dirette online dagli spazi Facebook, Instagram e YouTube della Fondazione. In questo periodo si sarebbe dovuta svolgere la VI Edizione di Poietika, molto attesa dopo il successo dell’edizione 2019 (ricordiamo partecipanti come Vandana Shiva, Wim Mertens, Raúl Zurita, Nedim Gürsel, Letizia Battaglia), ma per i motivi ben noti legati al Covid-19 e al lockdown la rassegna non potrà tenersi nella storica sede del Teatro Savoia. Fondazione Molise Cultura ha lavorato a un ripensamento degli strumenti e dei canali di comunicazione e diffusione della cultura, auspicando un intervento tempestivo e strutturato a sostegno dell’impresa cultura mai come ora in sofferenza. 

L’edizione social di Poietika coinvolge con interviste e interventi online autorevoli operatori del mondo della cultura e specialisti di settore, stimolando un loro contributo non solo nei rispettivi segmenti di pertinenza, ma anche alla luce di quanto sta accadendo e della trasformazione epocale che ci coinvolge. Next StArt è un omaggio alla continuità nella programmazione, perchè alla cultura non è consentito fermarsi, non lo ha mai fatto e non lo farà neanche oggi.

La “piazza virtuale” di Poietika affronta dunque varie aree tematiche, dalla letteratura alla fotografia, dalla musica all’architettura, dal teatro al giornalismo, con conversazioni sulle piattaforme social della Fondazione Molise Cultura e con podcast su Spotify per garantire la massima fruibilità. Si parte martedì 19 maggio con Massimo Bray, ex ministro della cultura e direttore editoriale della Treccani, promotore di un Mes salva salute e un Mes salva cultura: converserà con lui il coordinatore generale di Fondazione Molise Cultura Sandro Arco. Giovedì 21 Alberto Pozzolo dialoga con il prof. Rossano Pazzagli, docente di Storia del Territorio e dell’Ambiente e Storia moderna all’Università del Molise. Venerdì 22 ancora temi di attualità nel delicato panorama della musica e degli spettacoli: Maurizio Oriunno intervista Arlo Bigazzi, storico fondatore di Materiali Sonori. Nei giorni successivi verranno annunciate le date degli incontri con gli altri ospiti, nomi prestigiosi della cultura italiana come Carlo Tosco, Luca Molinari, Geppy Gleijeses, Michele Smargiassi, Nicoletta Magalotti, Biba Giacchetti e molti altri. 

Gli appuntamenti dal 19 al 22 maggio

19 maggio 2020 ore 19

Cultura, luoghi e società in tempi di crisi

Sandro Arco dialoga con Massimo Bray, storico, direttore editoriale Treccani, ex ministro della Cultura

21 maggio 2020 ore 19

Il futuro delle Aree interne nel post Covid

Alberto Pozzolo, professore ordinario presso il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università Roma Tre

Rossagno Pazzagli, docente di Storia moderna presso l’Università degli Studi del Molise, dove insegna anche Storia del territorio e dell’ambiente, direttore del Centro di Ricerca per le Aree Interne e gli Appennini (ArIA) e del Centro Studi sul Turismo.

Modera Cecilia Tommasini, docente di Demografia presso Unimol

22 maggio 2020 ore 19

Avanguardia e ricerca nella radici popolari della musica, l’esperienza quarantennale di Materiali Sonori

Dialogo sul futuro della produzione musicale indipendente in Italia

Maurizio Oriunno, giornalista e blogger dialoga con Arlo Bigazzi, musicista, produttore e co/fondatore di Materiali Sonori

Precedente Libri, l'Italia raccontata da Belardelli Successivo Consegne a domicilio, quando l'azienda "coccola" il consumatore