Napoli-Bologna 0-2, gol di Ndoye e Posch: Thiago Motta vede la Champions

(Adnkronos) – Il Bologna è sempre più vicino all'impresa di conquistare un posto in Champions League. I felsinei vincono 2-0 in trasferta sul campo del Napoli e salgono momentaneamente al terzo posto in classifica con 67 punti, scavalcando di una lunghezza la Juventus, impegnata domani in casa con la già retrocessa Salernitana. I rossoblù potrebbero conquistare la matematica certezza di giocare l'anno prossimo la competizione europea più prestigiosa già domani se la Roma non vincesse a Bergamo contro l'Atalanta. A decidere la sfida del Maradona le reti nel primo tempo di Ndoye al 9 e Posch al 12'. Pesante ko per gli azzurri che restano ottavi a quota 51, un punto in più della Fiorentina che però ha due partite in meno.  Il primo brivido del match arriva al 5' con Calafiori, il centrale rossoblù arriva al tiro dal limite dell'area, con la palla a lato non di molto. Al 9' gli ospiti sbloccano il match con Ndoye al primo gol in campionato. L'attaccante svizzero anticipa Di Lorenzo e appoggia di testa in rete l'assist perfetto di Odgaard. Passano tre minuti e arriva il raddoppio: sugli sviluppi del corner di Urbanski, torre di Calafiori per la girata vincente di testa di Posch, anche lui al primo gol in campionato. Il pubblico di casa non gradisce e fischia i propri calciatori.  Al 21' i padroni di casa potrebbero riaprire la partita. Pairetto assegna un rigore per fallo in area di Freuler su Osimhen. Dagli 11 metri va Politano ma Ravagli intuisce la traiettoria e respinge il tiro dell'attaccante azzurro. Al 27' ancora azzurri vicini al gol, corner di Politano per il colpo di testa di Olivera di poco alto. Poco dopo la mezz'ora giallo a Kvaratskhelia per proteste dopo un fallo subito da Posch. Al 40' gran tiro da fuori area di Lobotka con palla alta di un soffio a Ravaglia fermo. Nel recupero Osimhen cade in area dopo il contatto con Aebischer, Pairetto lascia correre, inutili le proteste del nigeriano.  I partenopei partono all'attacco in avvio di ripresa. Al 5' cross pericoloso di Di Lorenzo che attraversa tutta l'area avversaria senza che nessuno arrivi all'appuntamento con la deviazione. Al 7' Anguissa va al tiro da buona posizione ma la mira è da dimenticare e la palla termina altissima. Passa un minuto e Politano converge dalla sinistra e va al tiro sul primo palo, Ravaglia è attendo e fa buona guardia. Al 12' Motta cambia gli esterni alti: dentro Orsolini e Saelemaekers, fuori Ndoye e Odgaard.  Poco dopo Aebischer salva il risultato: punizione velenosa di Kavaratskhlia che arriva nell'area rossoblù, lo svizzero prolunga di testa alle sue spalle mandando in angolo, anticipando di un soffio Osimhen pronto a intervenire. Al 20' tornano pericolosi gli ospiti. Buona l'iniziativa di Zirkzee, che riceve da Saelemaekers e incrocia il sinistro, Meret si salva col piede, sulla ribattuta Orsolini calcia alto. Al 25' illuminante giocata di Ngonge, entrato al posto di Politano, che premia il taglio di Osimhen, il nigeriano incrocia sul palo lontano con Ravaglia bravissimo a deviare in corner.  Poco prima della mezz'ora novità da entrambe le panchine: Raspadori prende il posto di Cajuste, Castro e Fabbian sostituiscono Zirkzee e Urbanski. Al 36' Calzona si gioca le ultime mosse: ecco Simeone, Traoré e Mazzocchi. Fuori Kvaratskhelia, Anguissa e Olivera, mentre Motta leva Freuler e mette El Azzouzi. Nel finale la squadra di casa tenta gli ultimi assalti senza troppa convinzione e il Bologna controlla senza correre rischi portando a casa tre punti che l'avvicinano in maniera quasi decisiva alla prossima Champions League.  —[email protected] (Web Info)

Articoli correlati