Nello Malizia, il portiere del Perugia dei miracoli


Nello Malizia, portiere di calcio negli anni Settanta e Ottanta, è nato a Montenero di Bisaccia (Campobasso) il 30 luglio 1950.
Sin da piccolo ha vissuto con la famiglia a Potenza Picena, in provincia di Macerata. Qui da ragazzo ha lavorato a lungo come carrozziere, maturando anche una passione per i motori. E in questa provincia è cresciuto calcisticamente, finendo nella Maceratese tra la serie C e la D.
Nell’ottobre del 1974 è approdato in serie B con il Perugia, quale riserva di Roberto Marconcini. Con la squadra umbra è approdato in serie A, collezionando 10 presenze.
Nel 1977-1978 è diventato portiere titolare.
Nella stagione 1978-1979 è stato uno dei protagonisti del cosiddetto “Perugia dei miracoli”, la prima formazione nella storia del calcio italiano a chiudere il campionato imbattuta, al secondo posto in classifica dietro il Milan di Liedholm. Una serie positiva che si prolungherà nell’annata successiva: trentasette partite di fila senza perdere.
Ha recentemente raccontato a Bergamosportnews: «Erano gli anni delle crisi petrolifere, nemmeno le big avevano tanti soldi da spendere. Il calcio, fatalmente, era livellato verso il basso: non a caso il Verona riuscì a vincere lo scudetto cinque anni dopo la nostra impresa. A Perugia la squadra la faceva il direttore sportivo Silvano Ramaccioni, uno che capiva i calciatori come nessuno, poi team manager del Milan sacchiano, insieme al presidente Franco D’Attoma e all’allenatore Ilario Castagner».
Malizia è rimasto in Umbria anche dopo la retrocessione della squadra in serie B nel 1981.
Nella stagione 1982-1983 è finito al Cagliari, in serie A. Quindi al Padova e per quattro stagioni all’Atalanta, vice di Ottorino Piotti prima con Nedo Sonetti allenatore e poi con Emiliano Mondonico.
Dal 1992 al 2009 è stato preparatore dei portieri dell’Atalanta, rimanendo a vivere in provincia di Bergamo.
Nella stagione 2016/17 è entrato nello staff tecnico di Armando Madonna alla Virtus Bergamo, riconfermato anche per la stagione successiva.

Precedente John Lynch, il George Best dello schermo Successivo Neri Marcorè, il Re degli imitatori