All’Università “Sorbona” di Parigi  di scena il Molise preistorico



All’Università “Sorbona” di Parigi  di scena il Molise preistorico

Il Molise preistorico sarà tra i protagonisti del diciottesimo Congresso dell’Unione Internazionale di Scienze Preistoriche e Protostoriche (UISSP – Union Internationale des Sciences Préhistoriques et Protohistoriques) in corso a Parigi, nella sede de La Sorbona, fino al 9 giugno.
Una settimana dedicata alle ricerche preistoriche e protostoriche, un congresso che riunisce ricercatori e studiosi provenienti da tutto il mondo per confrontarsi su adattamento e sostenibilità delle società preistoriche e protostoriche ai cambiamenti climatici.
Con sessioni differenziate in base a temi e aree geografiche, il congresso presenta un programma intenso che unisce archeologia, antropologia, paleontologia, archeozoologia, geologia, botanica e scienze ambientali. 

Al centro dell’attenzione i siti di Isernia La Pineta (circa 600mila anni fa), Guado San Nicola a Monteroduni (circa 350mila anni fa) e Grotta Reali a Rocchetta a Volturno (circa 40mila anni fa), siti che, indagati dall’Università di Ferrara, sono estremamente importanti non solo per la storia del Molise e dell’Italia, ma dell’intero bacino del Mediterraneo.
Inoltre sono molisani i ricercatori che presenteranno i risultati della missione archeologica italiana in Colombia: Brunella Muttillo, Giuseppe Lembo, Ettore Rufo. La missione archeologica, che ha come obiettivo lo sviluppo delle conoscenze sulla preistoria colombiana, è finanziata dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dall’Università di Ferrara e dall’Associazione culturale ArcheoIdea.
La notizia è stata diffusa dall’Ansa.

<div class="

Precedente L'intervista di Giovanni Pollice  al portale "Lombardi nel mondo" Successivo Educazione alla salute, Toma: «Pronto il Catalogo dei progetti scolastici»