Il bus che ha preso fuoco a Roma:  danneggiata la profumeria Muzio



Il bus che ha preso fuoco a Roma:  danneggiata la profumeria Muzio

L’autobus della linea 63 che ha preso fuoco a Roma in via del Tritone ha danneggiato soprattutto una profumeria i cui titolari sono di origine molisana. Come “Forche Caudine” ha anticipato su Twiter, i titolari della profumeria Mr Muzio, sono di Sant’Elena Sannita, l’ormai noto borgo dei profumieri. 
Raffaele Muzio, il gestore dell’azienda che prima di lui è stata di papà Mario e nonno Raffaele (giunto a Roma nel 1949), stava recandosi al lavoro quando ha sentito la fortissima esplosione. L’autobus, infatti, ha cominciato a tirare fuori fumo, per ui l’auttista ha pensato bene di far scendere i passeggeri. Quindi la vettura è esplosa.
Il negozio di Muzio non ha subito danni interni, ma all’esterno vanno rifatte l’insegna e la vetrina. Anche un marmo s’è staccato.
La profumeria, visto il punto, è frequentata anche da molti vip, tra cui Sergio Castellitto, tra l’altro con genitori molisani, Cristian De Sica (che andava a scuola lì vicino), il noto architetto Massimiliano Fuksas, autore della contestata “Nuvola” all’Eur e Renato Zero.
Oggi i Muzio gestiscono tre negozi nel centro a Roma, mentre il cognome è collegato anche ad una catena di numerosi negozi.

<div class="

Precedente Giornata dei Beni comuni, gli eventi di Italia Nostra Molise Successivo Neri Marcorè al teatro Brancaccio  rende omaggio a Fabrizio De Andrè