La Molisana, per due giorni a Roma  la “Casa della semola”



La Molisana, per due giorni a Roma  la “Casa della semola”

Il pastificio La Molisana per due giorni aprirà a Roma la “Casa della semola”, uno spazio dedicato alla pizza fatta con semola di grano duro decorticato a pietra. In occasione della manifestazione “La Città della Pizza”, che riunirà i migliori pizzaioli d’Italia, dal 6 all’8 aprile al Guido Reni District di Roma, la Molisana proporrà appunto all’interno della manifestazione la pizza di semola di grano duro. 

Il pubblico potrà dunque giudicare la pizza preparata con le semole di grano duro della gamma “Gli sfarinati La Molisana”, che comprende semola tradizionale (per pasta e pizza), rimacinata, ovvero macinata due volte per ridurne la granularità e facilitarne la lavorazione, che può dunque essere utilizzata per tutte le preparazioni in cui normalmente si utilizza la farina (anche per biscotti, dolci e torte) e integrale, più completa dal punto di vista nutrizionale. Infine la semola per pizza, ideale per lievitazioni lunghe. 
Dopo un lungo percorso di ricerca e sperimentazione, La Molisana intende dimostrare che la semola consente di realizzare una pizza più leggera, digeribile e croccante. 
Dopo una fase di pesante crisi, l’azienda nei sei anni di gestione della famiglia Ferro ha moltiplicato il suo fatturato, registrando oltre 300mila quintali di pasta venduta. 
Fondato nel 1912 dalla famiglia Carlone, il pastificio La Molisana nasce come bottega artigianale. In pochi decenni, grazie alla qualità del prodotto, si afferma come azienda leader nel settore nazionale della produzione di pasta di semola. A cavallo del nuovo millennio, l’azienda ha attraversato un periodo di crisi, risolta nel 2011, quando è stata acquisita dalla famiglia Ferro, mugnai da quattro generazioni, imprenditori già noti e apprezzati nel settore. 
Oggi l’azienda è di nuovo ai vertici nazionali della categoria con un fatturato di 140 milioni (previsione 2017) ed è presente in 80 Paesi del mondo, dove esporta circa il 35%. Dal 2016 La Molisana è impegnata in un progetto di filiera, che coinvolgendo oltre 600 produttori di Molise, Marche, Puglia e Lazio, ha permesso di arrivare a circa diecimila ettari di campi coltivati con il grano Maestà, una varietà di qualità superiore con un indice proteico elevato che consentirà di aumentare progressivamente la percentuale di grano italiano contenuto nella ricetta della pasta La Molisana.

<div class="

Precedente Nasce il Comitato Imprese:  Forche Caudine continua a crescere Successivo La parola al vescovo di Termoli:  "Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato"