Roma, serata con Francesco Paolo Tanzj leggendo Francesco Jovine e Chiara Gamberale



http://forchecaudine.com/gallery/00_Notizie/Tanzj.jpg

L’evento del 17 febbraio 2018 a Roma (dopo altre numerose presentazioni in varie
città italiane) si prefigge una specie di ‘missione’. Nell’epoca dei mille scrittori e dei cento lettori, dell’agonia del foglio e della penna, quattro eccellenti autori tentano un originale esperimento di interpretazione globale. Nel testo, con un programma ben preciso, al racconto di Francesco Paolo Tanzj, segue lo studio psico-semiotico della grafologa Federica Fava del Piano, l’analisi della neuropsichiatra Silvana Madìa sulla scrittura
come modalità relazionale per riappropriarsi di se stessi, per giungere,
infine, all’esaustivo saggio sulle condizioni della letteratura contemporanea del poeta e critico letterario Plinio Perilli.
La serata avrà importanza particolare per il mondo degli scrittori e avrà un innovativo valore di contributo allo scrivere anche come manualità e grafia (calligrafia) che ormai si sta perdendo sempre di più, soprattutto tra i giovani. Sarà relatore il poeta, filosofo e critico letterario Franco Campegiani.

Maria Rizzi intervisterà poi i quattro Autori e, nel corso dell’intervista a Federica Fava del Piano, la lettrice Loredana D’Alfonso leggerà, come esempio di analisi grafologica, le “Lettere da una sconosciuta” a Pier Paolo Pasolini, Francesco Jovine e Chiara Gamberale.
Sono previsti ospiti di grande rilievo.
Sarà presente anche l’artista Giordano Martone, autore della copertina e nipote di Raffaele Viviani.
Dopo la presentazione, Tonino Puccica offrirà il brindisi e poi, per coloro che lo gradissero, sarà possibile partecipare alla cena conviviale.
Cibo cucinato in casa, vino imbottigliato e atmosfera magica per soli 10 euro.
Vi preghiamo di dare la vostra adesione entro venerdi 16 rispondendo a questa mail o chiamando i seguenti numeri: Maria Rizzi 3475789139 – Tonino Puccica: 3494328664.- Francesco Paolo Tanzj :3297023041

<div class="

Precedente La Grande Muraglia? Naturalmente è in Molise... Successivo Termoli, il 27 novembre 2018  gli Stati generali del turismo