Si parla del Molise? Sì, per l’avviso di garanzia a Frattura…



Si parla del Molise? Sì, per l’avviso di garanzia a Frattura…

Dunque, secondo quanto ha riportato l’Ansa e confermato dallo stesso interessato, sono stati notificati al governatore della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura (Pd), e al suo avvocato, Salvatore Di Pardo, gli avvisi di garanzia della Procura di Bari per l’ipotesi di calunnia nei confronti della direttrice di Telemolise, Manuela Petescia, e del magistrato Fabio Papa, all’epoca dei fatti Pm a Campobasso, assolti il 4 maggio 2017 dal gup di Bari, Antonio Diella, perché il fatto non sussiste, dalle accuse avanzate dallo stesso Frattura riguardanti un presunto ricatto, avvenuto durante una cena – alla quale avrebbe partecipato Di Pardo – finalizzato a sollecitare una legge per l’editoria a favore dell’emittente molisana. Frattura lunedì 5 febbraio sarà ascoltato dal Pm per l’interrogatorio di garanzia.
“Vado e ascolto quello che mi dicono – le parole di Frattura – non so cosa dire prima di andare – preciso che solo ieri mi è stato notificato l’avviso di garanzia”.
L’immagine del Molise, per l’ennesima volta e a poche settimane dal voto nazionale (il 4 marzo) e dal voto locale (che ci sarà a fine aprile) è ulteriormente inficiata, ora anche dalle notizie giudiziarie.
Non entriamo nel merito della vicenda, c’interessa solo ribadire che il nostro giudizio su Frattura governatore – non in base ad atteggiamenti ideologici (nel direttivo di Forche Caudine convivono serenamente tutte le ideologie) – ma sulla nostra esperienza quinquennale, è decisamente negativo. Un governatore assente con la nostra comunità, così come del resto i parlamentari molisani. Speriamo quindi che la tornata elettorale serva perlomeno a voltare pagina. La speranza, si sa, è l’ultima a morire e noi – sin da questa avventura – siamo degli inguaribili sognatori.

<div class="

Precedente Argentina: riunione dei molisani Successivo Un molisano apre la seconda sede operativa in Russia