Un mese alla Granfondo del Matese:  intervista a Nicolangelo Zoppo



Un mese alla Granfondo del Matese:  intervista a Nicolangelo Zoppo

La Granfondo del Matese si svolge nel cuore del Molise, a Frosolone, centro di eccellenti produzioni casearie e di oggetti da taglio. Da diversi anni le nuove generazioni hanno puntato sul ritorno alla qualità e il risultato è nell’apprezzamento della critica e dei mercati; alcuni latticini godono dell’etichettatura del Gambero Rosso e le lame artigianali più pregiate e sofisticate sono apprezzate in tutto il mondo. Frosolone è uno dei Borghi Più Belli D’Italia come testimoniato dalla Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.
Dopo quattro anni torna la Granfondo del Matese, gara ciclistica che polarizza sempre tanta partecipazione e un interesse che oltrepassa i confini regionali. Occasione per porgere qualche domanda a Nicolangelo Zoppo, molisano di Sant’Elena Sannita da anni residente a Roma, tra gli organizzatori dell’evento oltre che una delle colonne dell’associazione Forche Caudine, grazie in particolare all’amicizia che lo lega al presidente Castellotti e al vicepresidente Iannone.  

– Dunque, Nico, un ritorno nei luoghi cari…

“Si, torna dopo quattro anni e grazie soprattutto alla volontà del Comune di Frosolone, dell’Associazione “Molise da scoprire” e della Proloco di Frosolone.
– Perché?
“Perché le prime due edizioni sono state apprezzatissime dai partecipanti, le strutture del paese sono state premiate da una politica di prezzi contenuti salvaguardando la qualità dei servizi, perché in questi anni, noi della Largo Sole per primi e il Territorio abbiamo capito che lo sviluppo può, e deve avvenire tramite attività sostenibili per l’economia e soprattutto per l’Ambiente”.
– In cosa si differenzia questo progetto da quello delle edizioni precedenti?
“Dobbiamo ricominciare, ricostruire. Nel 2013 e nel 2014 abbiamo investito molte delle nostre risorse ma non siamo stati ripagati dal conto economico; avevamo puntato anche su molti aspetti coreografici e di contorno non necessari per una manifestazione alle prime edizioni. Oggi riprendiamo dalle cose essenziali testate positivamente come l’organizzazione di base, e soprattutto la sicurezza; il resto verrà”.
– Sicurezza, quindi direzione di corsa, presidio dei punti delicati, scorte tecniche …
“Sì, questi sono punti focali: saremo rigorosi nell’applicare tutti i dispositivi e certamente impiegheremo più personale di quello richiesto dagli organi competenti. Facciamo sempre così, noi del GS Largo Sole…”.
– E l’organizzazione?
“La logistica sarà affidata ai ragazzi di ‘Molise da scoprire’: sono ‘missionari’ della promozione della Regione e organizzano svariate attività; gestiranno strutture loro e altre messe a disposizione dal Comune. Direttamente e tramite collegamenti saranno anche sui ristori. Una loro squadra si occuperà del pasta-party con la collaborazione del ristorante Antichi Sapori di Colombina”.
– Avete una “mission”?
“Abbiamo un desiderio: dare stabilità all’evento. Ma questo avverrà solo se tutta la comunità di Frosolone e dei centri vicini capisce che occorre vedere in prospettiva. Faccio un esempio: un artigiano di Frosolone donerà per la premiazione della prima assoluta e del primo assoluto due coltelli pregiati fatti a mano grazie alla perizia e all’impiego di moltissime ore di lavoro; avrebbe potuto chiedere il costo. È sicuro che questa azione promozionale aiuterà lui e i suoi colleghi a trovare nuove vetrine. Un’azienda di coltelleria professionale ha proposto di personalizzare alcune lame grezze con il logo della gara a uso di targhe per la premiazione! Se la metà delle aziende di Frosolone avrà questa lungimiranza, la gara sarà un’occasione di promozione per entrambi”.
– Per gli accompagnatori?
“Abbiamo previsto visite guidate gratuite a strutture museali locali: “La setta del Pastore”, Il “Museo dei Ferri Taglienti”, il “Museo del Costume”; inoltre a 5 chilometri, a Sant’Elena Sannita, c’è il “Museo del Profumo”. Stiamo lavorando per organizzare anche una visita presso un caseificio”.
– Concludendo…

“Ci tengo a sottolineare che sarà una terza edizione ma anche una edizione “zero”: abbiamo pensato, per quest’anno, di usare una quota di iscrizione “popolare”: fino al 15 agosto sarà € 20! E inoltre, sacrificando un po’ l’interesse delle strutture ricettive, abbiamo scelto un orario di partenza comodissimo: le 9:30! Ripartiamo con basso profilo e tanto lavoro: in futuro saremo premiati”.

– Pacco gara?
Ad oggi non è previsto: preferiamo non prendere in giro nessuno. Se dobbiamo spendere dei soldi è meglio farlo per la sicurezza! Il pacco gara deve essere un’occasione per il Territorio, per le aziende e le Amministrazioni, di mettersi in mostra.
Le iscrizioni sono aperte sul sito www.kronoservice.com
€ 20: quota valida fino al 15 agosto
€ 25: quota valida dal 16 al 31 agosto
€ 35: quota valida il 1° settembre e il 2 settembre
€ 15: quota valida per coloro i quali avranno partecipato alla Gran Fondo Nel Parco Sarto (valida dal 31/08/2018)
€ 15: quota valida per tutti gli abbonati al Circuito FANTABICI (valida entro il 31/08/2018)
€ 15: quota valida per tutti gli abbonati allo SCUDETTO CAMPANO (valida entro il 31/08/2018)

<div class="

Precedente Roma, al teatro Orione si celebra Totò Successivo Legge di bilancio: ecco le principali novità