Libri molisani: “Lettera (agli studenti) sulla politica” di Gianfagna-Presutti



Il libro “Lettera (agli studenti) sulla politica” di Rossella Gianfagna e Antonella Presutti è una lettera ai ragazzi.
A loro è rivolto il senso immediato delle parole, teso a catturare l’attenzione su tematiche cruciali dell’Italia di oggi , toccate con serietà e piglio rigoroso nella loro specificità e nel quadro della loro ineludibile interrelazione, eppure espresse in tono leggero, ironico, accattivante, a tratti irriverente.
A loro e’ rivolto lo spirito delle due autrici , il significato profondo ch’esse hanno nell’anima, che emerge come Memoria del passato , risalta come lucida attenzione nei confronti del presente, si culla fiduciosa nell’attesa del futuro.
Ed è questo loro spirito ad invitare i ragazzi a non cedere all’indifferenza nei confronti della politica, nella consapevolezza della inevitabilita’ di questo atteggiamento, purtroppo generato dalla politica medesima che non sa porsi come faro e non sa allargare gli orizzonti dei giovani, anzi li riduce e li opacizza.
La politica accartoccia parole e contenuti in slogan, in ‘cinguettii’ sui social o in urla nei salotti televisivi, cede al non senso o alla propaganda, quest’ultima ormai neppure raffinata e anzi facilmente ‘sgamata’, al punto da perdere credibilità.
La politica che riduce interventi e azioni in iperformance da palcoscenico e da ripresa televisiva, addirittura compiacendosi delle sue comparsate autoreferenziali, annoia al punto che diventa meglio per i ragazzi ‘cambiar canale’ e vedere uno spettacolo diverso, alla fin fine più interessante e divertente.
Come questo scenario può essere ribaltato ? Come in politica ci si può sbarazzare di quei meccanismi che premiano i cheiroteroi , i peggiori, e mettono all’angolo e in subalternità gli aristoi, i migliori? Come si può traghettare i giovani a non essere indifferenti alla politica? Cosa si può fare perché i giovani non cambino canale o , meglio dire, riescano ad impegnarsi affinché il canale della politica cambi la sua stantia e pacchiana programmazione?
Ecco che a questi interrogativi le autrici, donne ricche di Scuola e di passione civile, offrono risposte di buon senso, prescrivono cure concrete, danno suggerimenti originali e , soprattutto, indirizzano a ulteriori spunti di riflessione entro un circuito dialettico virtuoso e maieutico.
Ecco che l’Esempio proviene loro dalla politica degli aristoi, di coloro che han visto e ascoltato da bambine, delle cui parole e azioni di spessore e di valore si sono alimentate nella crescita e che ora riecheggiano prepotenti e rappresentano un vero patrimonio nazionale ; quegli uomini e quelle donne che hanno pensato e fatto la politica repubblicana italiana e sono Esempi per aver saputo allargare e rischiarare gli orizzonti dei giovani di ieri: Pertini, Moro, Berlinguer, Iotti , Zaccagnini …
Dunque, Il libro è sì una lettera ai ragazzi, ma è anche una lettera indirizzata al mondo adulto, richiamato al senso profondo della memoria, ai preziosi Esempi su cui poter contare , invitato a meditare sul divenire storico, inchiodato alle proprie responsabilità e alla propria coscienza, solleticato a riflettere su un assioma: la storia interviene nelle nostre vite individuali e le nostre vite si svolgono inevitabilmente nella storia collettiva.
Perciò la lettera è pure un’autobiografia dell’anima , quella delle due autrici e di noi Italiani, fatta del nostro passato come memoria , di presente come attenzione e di futuro gravido di attesa che non deve ne’ può prescindere dal rispetto del patto democratico intergenerazionale e dalla fiducia.(Adele Fraracci)

<div class="

Precedente Roma, Stefano Sabelli al teatro dell'Orologio con "Re Lear" Successivo Roma, l'atroce serata per Marina Rei al Vittoriano