Toro e Oratino, nuovo monumento  nel segno dell’emigrazione in Brasile



Toro e Oratino, nuovo monumento  nel segno dell’emigrazione in Brasile

Mercoledì 28 marzo 2018 alle ore 18:30, presso la Sala Consiliare del Comune di Toro, verrà presentato alla cittadinanza il monumento intitolato “I Guardiani di Itatiba”, che è stato innalzato in Brasile e sarà inaugurato il prossimo 8 aprile nella città di Itatiba.
Il monumento è posizionato in “Piazza del Gemellaggio Itatiba – Toro”, ubicata nei pressi del “Parque da Juventude” della città brasiliana (120 mila abitanti), nello stato di San Paolo.
La stele di sei metri d’altezza, realizzata in pietra di Itatiba, è una creazione dell’artista molisano Dante Gentile Lorusso, che si è avvalso della progettazione tecnica dell’Ing. André Bartholomeu (cittadino itatibense di origini molisane), e della collaborazione dello scultore oratinese Renato Chiocchio, autore delle quattro teste in pietra di Oratino che sovrastano il monumento.
L’opera, sollecitata dalla lungimiranza dell’Amministrazione comunale di Itatiba, vuole rappresentare un ponte ideale tra la comunità di Itatiba, città della pietra, fondata nell’Ottocento da emigrati italiani, e le comunità dei due borghi molisani di Toro e Oratino.
Proprio per questo, all’inaugurazione del monumento nella città brasiliana interverranno i Sindaci di Toro (comune gemellato con Itatiba nel nome di Toquinho) e di Oratino (comune che si sta apprestando a gemellarsi nel nome della comune tradizione della lavorazione della pietra). 

Oltre a sottolineare la portata culturale e artistica dell’evento, la presenza dei due primi cittadini in Brasile è volta a promuovere l’immagine dell’Italia edel Molise all’estero, in particolare delle due piccole comunità, e a curare rapporti dai quali possa scaturire un benefico flusso di “turismo di ritorno” e non solo.

<div class="

Precedente "Reddito di residenza", il Molise è davvero alla frutta Successivo Carpi-Roma 1-3, l'abbaglio di "Repubblica"