Kilimangiaro, Frosolone primeggia in Molise



http://forchecaudine.com/gallery/00_Notizie/Kilimangiaro.jpg

ROMA – Ha visto primeggiare Frosolone nella sfida con Oratino per il podio molisano nel programma tv “Kilimangiaro”. Su Rai 3 sono andati in onda due servizi girati la scorsa estate che hanno reso onore alla bellezza dei due caratteristici paesi montani molisani. La sfida è stata inserita nell’ambito della rubrica “Il borgo dei borghi” che ospita settimanalmente una regione.

Camilla Raznovich, che quest’anno cura il programma al posto della “storica” conduttrice Licia Colò, insieme a Dario Vergassola, che ha definito il Molise la più bella regione d’Italia, hanno ospitato le delegazioni dei due paesi per la competizione a furor d’immagini effettuate con i droni, di autocelebrazioni, di proverbi dialettali e di immancabili ricette.
Frosolone ha offerto le splendide risorse naturali della montagna, un connubio di rocce in stile Gran Canyon e di mandrie reduci dalla transumanza. Poi i vicoli, tanti, il caratteristico largo Vittoria, una vera e propria bomboniera nel cuore del paese, il Convento di Santa Chiara che oggi ospita gli uffici comunali. Immancabile il riferimento alla produzione di coltelli e forbici, che hanno reso il paese noto in tutta Italia. Per il piatto tipico sono state cucinate sagne e fagioli.
Oratino, anch’esso di origine medievale, ha offerto il caratteristico centro storico circolare, con la Chiesa di Santa Maria Assunta in stile romanico e la Porta del Piano. Il borgo, oggi davvero spopolato, conserva la tradizione degli ultimi artigiani, in particolare degli scalpellini. La sua posizione, a pochi chilometri da Campobasso, è strategica perché domina la valle del Biferno e permette di intravedere i confini abruzzesi, come è stato sottolineato nel servizio televisivo. Il piatto tipico proposto è stato il fegatino, che veniva preparato il giorno dopo il matrimonio come antipasto.
Enorme soddisfazione da parte non solo dei rappresentanti frosolonesi in studio, ma soprattutto da parte dell’enorme comunità frosolonese sparsa in tutto il mondo, che già da tempo soprattutto sui social network ha promosso l’appuntamento invitando tutti i votare per il paese dell’isernino. Soltanto a Roma vivono circa settecento persone nate a Frosolone, una comunità di oltre duemila persone con i discendenti.
Anche l’ultimo numero di “Forche Caudine” aveva ospitato uno spazio con l’invito a vedere il programma e a votare per il paese molisano: il presidente del sodalizio non ha voluto tradire le sue origini.

(GDN)

<div class="

Precedente Dalla Duras a Platone, la casa stimola riflessioni Successivo Land Rover: quello spot è un insulto