Bisaccia, borraccia e… “Cammina, Molise!”



http://forchecaudine.com/gallery/00_Notizie/CamminaMolise.jpg

Parte il 6 agosto da Castropignano, borgo aggrappato a uno sperone roccioso a strapiombo sulla vallata attraversata dal fiume Biferno, il “Cammina Molise!”, la manifestazione itinerante aperta a tutti quelli che amano le passeggiate, il cibo buono e un’accoglienza di stampo antico.
Centinaia di marciatori si mettono in cammino, attraversano sentieri e tratturi, visitano i centri storici di borghi arroccati e assaggiano le tipicità locali. Succede al Cammina Molise!, la manifestazione organizzata dall’associazione La Terra che dal 6 al 10 agosto invita a scoprire le bellezze paesaggistiche e culturali di questa piccola regione.
La carovana si muove da Castropignano, che conserva i resti del castello d’Evoli e un interessante Museo delle Arti e della Civiltà Contadina, alla volta di Torella del Sannio percorrendo il tratturo Lucera-Castel di Sangro prima di arrivare, nel tardo pomeriggio della giornata inaugurale, a Pietracupa, con l’abitato che si stringe intorno a un roccione. La visita del borgo inizia dalla chiesa rupestre ricavata dalla grotta più grande della Morgia (come gli abitanti chiamano la roccia), che custodisce un crocifisso cinquecentesco e un altare ricavato dalla macina di un vecchio mulino.
Capitanata da Giovanni Germano, architetto romano originario di Duronia, l’allegra combriccola visiterà altre interessanti località, come la chiesa di Santa Maria del Canneto che presenta uno splendido pulpito e una pregevole Madonna con Bambino risalente al 1300, e il centro storico di Frosolone che, con le sue botteghe artigiane mantiene viva l’antica tradizione manifatturiera dei coltelli.
Per chi non alloggia in albergo la quota è di 150 euro, 130 euro per i ragazzi fino a 18 anni (tel. 06 630734, 0874 769262 o 338 3063300, www.laterra.org, [email protected]).

(Ida Santilli)

<div class="

Precedente Pietracupa (Cb): Claudio Camillo "Una valigia di cartone" Successivo Stop Bombing Gaza: dopo il sit-in il documento redatto a Campobasso