Roma, apre la Nomentana Bis, quartieri “alleggeriti” dal traffico



ROMA – “E’ l’opera più importante degli ultimi dieci anni”. Il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, ha inaugurato, assieme all’assessore alla Viabilità, Marco Vincenzi, la Nomentana bis.
L’opera viaria – quattro chilometri da Capobianco fino a Fontenuova – libereranno Parco Azzurro, Colleverde e Tor Lupara dalla morsa del traffico, circa 20mila mezzi al giorno tra automobili e camion, che nelle ore di punta costringeva gli automobilisti a sopportare file estenuanti superiori anche a 40 minuti. Il tutto per un costo di circa 20 milioni di euro.
“Oggi – ha detto Zingaretti – è una giornata bellissima, inauguriamo una struttura che aiuterà la vita di chi abita qui ed è stato vittima di un’idea distorta di sviluppo della metropoli, con l’espulsione da Roma delle case ma non delle scuole, dei servizi e delle infrastrutture. Questa arteria, che abbiamo difeso dai tagli con i denti, permetterà di risparmiare 1 o 2 ore la giorno, ridando dignità a questi territori. Spero che chiunque la vedrà, capendo che i soldi dei cittadini possono essere spesi bene, riprenda un po’ di fiducia nelle istituzioni, questo è il messaggio culturale che vogliamo lanciare”.
La nuova arteria, inaugurata alla presenza dei sindaci di Guidonia Montecelio, Eligio Rubeis, di Fonte Nuova, Graziano Di Buò e di Mentana, Altiero Lodi, è larga 7 metri (3,5 per ogni senso di marcia), affiancata da banchine laterali di 1,25 metri e completata da due svincoli a via Monte Bianco e via Tor Sant’Antonio, una galleria di 250 metri per attraversare la zona del Villaggio Betania (per ridurre l’occupazione dei terreni e attenuare i rumori in prossimità del centro abitato), tre viadotti, tre rotatorie e tre sottopassi.
La Nomentana bis si presenta come alternativa all’attuale tratto della Nomentana, e darà un contributo al miglioramento dei collegamenti tra la Capitale e l’area sabina, un bacino demografico cresciuto notevolmente negli ultimi anni fino a raggiungere i 250 mila abitanti.”Un’opera – ha sottolineato Vincenzi – importante e complessa costata 20 milioni, ma che porterà possibilità di sviluppo al territorio con una comunicazione più veloce, grazie allo sforzo della Provincia e dei Comuni di Guidonia e Fonte Nuova. Sono 4 chilometri che passano per un territorio in crescita anche dal punto di vista dell’edilizia e dell’urbanistica, fornendo un corridoio che renderà più facile la viabilità e più vivibili queste zone”. Nell’occasione, il presidente Zingaretti ha annunciato che verranno chiusi tutti i cantieri iniziati. Non verrà lasciata nessuna opera incompiuta.

<div class="

Precedente Roma, concerto di Capodanno con Pino Daniele e Mario Biondi Successivo Roma, i "tassisti cacciatori" chiedono pari dignità in Molise