Presentato a Chiauci (Isernia) il libro di Adelaide Trabucco



CHIAUCI (ISERNIA) – Nel suggestivo centro storico di Chiauci, il 16 agosto 2012, alla presenza del Vescovo della Diocesi di Trivento, S.E. Monsignor Domenico Angelo Scotti, del Vicario generale della Diocesi di Trivento, Monsignor Domenico Antonio Fazioli, del parroco di Pescolanciano e di Chiauci, Don Paolo Pietro Monaco, del Sindaco Egildo Di Pilla, è stato presentato dall’autrice, professoressa Adelaide Trabucco, il volume dal titolo: “Memorie storiche e artistiche di Chiauci e delle sue chiese”.
L’incontro moderato dal dott. Silvio Rossi, è stato ripreso dall’emittente “Tele Molise” e si può vedere sul link:
http://www.telemolise.com/view.php?idfilmato=31800752717082012171349&tipo=tg
Chiauci, paese dell’alto Molise, nato come altri limitrofi in un territorio popolato dai Sanniti, con le sue tre chiese è ricco in materia di beni culturali, artistici e religiosi.
Il processo storico di Chiauci e del Sannio si può interpretare leggendo attentamente il libro che la professoressa Adelaide Trabucco ha accuratamente documentato.
Si capisce come la Chiesa Cattolica sia stata il nucleo della vita cittadina dei paesi italiani, assumendo un ruolo centrale nell’identità del passato dei suoi abitanti.
L’importanza dell’intreccio che le Chiese di Chiauci hanno avuto, con il passare del tempo e con il territorio circostante hanno consolidato le condizioni della vita dell’essere umano.
La fede di Gesù di Nazaret, la Beata Vergine del Monte Carmelo, la figura di Sant’Antonio di Padova, San Giuseppe, San Giorgio sono solo alcune delle figure religiose fondamentali e vincolanti che emergono dall’approfondimento del volume.
Le Chiese rappresentano le fondamenta dell’inizio della comunità chiaucese che aldilà degli elementi sociologici, antropologici, istituzionali e culturali coniano il principio direttivo della religione e della fede nella storia.
Il privilegio di aver avuto come fonte informativa l’apertura dell’Archivio religioso locale, che grazie alla Diocesi di Trivento ha reso possibile la ricostruzione delle “Memorie storiche e artistiche di Chiauci e delle sue chiese” ha rappresentato un valore inestimabile per apprezzare l’importanza che i luoghi religiosi hanno avuto nel tempo.
Tutto ciò conferma che la storia delle Chiese oltre a rappresentare un valore in ambito teologico, determina l’orientamento radicato dei suoi abitanti.
Le parole scritte dal Vescovo di Trivento nell’introduzione del volume: “In un tempo come il nostro, nel quale sempre più forte è l’esigenza di riscoprire e rivalutare la propria identità e l’appartenenza ad una precisa comunità locale, questo testo è un esempio concreto di una testimonianza vera ed autentica di spiritualità attuale e feconda.
Ben vengano sussidi come questo per divulgare la nostra antica storia, le vicende passate e la fede che ha alimentato, sostenuto e illuminato la vita quotidiana dei nostri antenati, quelli stessi che ci hanno lasciato esempi così belli di arte e di religiosità.”, ci fanno riflettere come la storia delle Chiese, non ha avuto semplicemente il compito di servire uno scopo evangelico ma ne è stata parte integrante del paese delle Chiavi, come era anticamente chiamata Chiauci.

(Simonetta D’Onofrio)

<div class="

Precedente Molise, comitato internazionale: No alla soppressione della Corte d'Appello Successivo Il vignettista Stefano Disegni e il paradossale odio per i molisani