Lamolinara, il rapito ucciso in Nigeria aveva origini molisane



ROMA – Aveva origine molisane l’ingegnere ucciso in Nigeria durante un blitz delle forze inglesi.
Franco Lamolinara, il tecnico di 47anni rimasto ucciso durante un blitz delle teste di cuoio britanniche nel tentativo di liberare lui e il collega, aveva origini molisane: il padre era di Larino, la mamma di Campomarino. Un legame con il Molise, tra l’altro, abbastanza solido, in quanto rientrava ancora nella terra d’origine.
I genitori si erano trasferiti in Piemonte, a Gattinara, per motivi di lavoro.
In Molise vivono numerosi parenti dello sfortunato ingegnere.

<div class="

Precedente Giovanni Scacciavillani: "Storica la sentenza del Tribunale su disabile" Successivo Come funziona il "Fondo Kyoto", risorse per privati ed enti pubblici