Riunificare Abruzzo e Molise: idea di consigliere abruzzo-molisano



ROMA – Si chiama Paolo Palomba, è consigliere regionale dell’Abruzzo per l’Italia dei valori. Vive nella terra di D’Annunzio ma è originario di quello di Jovine, essendo di Poggio Sannita (Isernia), come del resto si evince dal cognome. E’ lui che sta rilanciando in questi giorni una proposta che torna prepotentemente d’attualità: riunificare Abruzzo e Molise. Facendo decidere ai cittadini attraverso una consultazione popolare.
“Il futuro del Molise non può essere deciso a tavolino da quattro politici più o meno interessati – sottolinea Palomba. “Apprendo dalla stampa molisana che il governatore Iorio è contrario alla riunificazione tra le due regioni, perché ‘il ritorno al passato vanificherebbe la lotta per l’autonomia condotta dagli avi, ma soprattutto perché il Molise tornerebbe ad essere una provincia emarginata con la conseguente penalizzazione di servizi per la popolazione’. La mia opinione, condivisa dal collega consigliere regionale molisano Cristiano Di Pietro e dallo stesso leader nazionale dell’Italia dei Valori, è che debbano essere i cittadini, i molisani, a decidere, né Iorio né altri. Nel 1963 poche autorevoli persone, a tavolino, decisero la divisione tra Abruzzo e Molise. Non è possibile, oggi, fare altrettanto, ma su scelte così importanti è necessario sentire direttamente il parere del popolo che, forse è opportuno ricordarlo a qualche esponente politico, è e resta sovrano. Decidano i molisani e gli abruzzesi se è meglio spendere il doppio del denaro pubblico per mantere due Consigli regionali, due Giunte, pagare l’indennità a due Governatori e agli assessori – continua Palomba. “Doppie spese per auto blu, doppie indennità di carica per i consiglieri, doppie strutture e via elencando. Queste sono le questioni sulle quali confrontarsi e sulle quali è indispensabile e irrinunciabile sentire il parere non certo dei politici, che ovviamente non hanno alcun interesse a dimezzare le proprie poltrone, ma dei cittadini”.
Nel frattempo, tanto per non farci mancare nulla, l’ingegnere Gennaro Amodeo, molisano di nascita e foggiano d’adozione, fondatore-presidente del “Movimento Popolare Progetto Moldaunia”, rilancia la proposta di un referendum consultivo per far passare la provincia di Foggia dalla Regione Puglia alla Regione Molise.
Ad approvare la proposta, tredici amministrazioni comunali pugliesi: Alberona, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Peschici, Roseto, San Marco la Catola, San Severo, Serracapriola, Torremaggiore e Volturino.

<div class="

Precedente Roma: una mostra grafica del molisano Tito Amodei Successivo Molise, continua l'emergenza: forti nevicate in tutta la regione