Isernia: Paolo de Chiara “indaga” sulla criminalità



Isernia: Paolo de Chiara “indaga” sulla criminalità

ISERNIA – “Da Casal di Principe al Molise. Cosa fare per riaffermare la legalità?” è il titolo dell’incontro che si terrà a Isernia venerdì 15 luglio 2011 dalle ore 18 in piazza San Pietro Celestino V (Fontana Fraterna), in occasione della presentazione del libro “Il volto di Gomorra” di Nino Baldieri e Mimmo Franzinelli (Mondadori Electa).
Nell’occasione il giornalista Paolo De Chiara intervista Michele Mignogna (giornalista), Paolo Albano (procuratore capo Procura della Repubblica di Isernia), Armando D’Alterio (procuratore capo Dda Campobasso) e Nicola Baldieri (giornalista e autore “Il volto di Gomorra”). Porterà i propri saluti il questione di Isernia, Salvatore Torre.
Sciascia diceva: “I mafiosi odiano i magistrati che ricordano”. I Casalesi odiano anche gli scrittori che fanno conoscere a tutto il mondo il loro vero volto.
Nel volume che si presenta, che mescola sapientemente la crudezza e la realtà delle immagini a commenti pertinenti, si torna a parlare dell’agro aversano, reso famoso, per l’appunto, dal coraggio di scrittori e magistrati che hanno mostrato il vero volto di queste zone, un tempo conosciute dal grande pubblico solo ed esclusivamente per la produzione della famigerata mozzarella di bufala campana. Casal di Principe è oggi riconosciuta come il centro delle attività criminali della camorra.
Il lavoro si sviluppa su 12 capitoli che si chiudono con uno sguardo di speranza grazie alle testimonianze dell’associazionismo per la riaffermazione della legalità. Con “Il volto della camorra”, Baldieri e Franzinelli hanno consegnato alla società un’altra dimostrazione del coraggio di coloro che credono nella giustizia.
All’incontro saranno presenti “Le mamme per la salute” (Venafro), Libera Molise, Arci Isernia e le “Agende rosse di Paolo Borsellino”.
Per info: [email protected] – http://paolodechiaraisernia.splinder.com.

<div class="

Precedente Caritas: autocarro in dono da Cna e aziende molisane Successivo Finalità mafiosa: l'omicidio di Lea Garofalo