Pescasseroli, il governatore Iorio alla tavola rotonda sul federalismo



PESCASSEROLI (L’AQUILA) – «Il Federalismo rappresenta una grande sfida per il Mezzogiorno. Il modello centralistica si può dire non ha portato al Sud lo sviluppo e la crescita sperata. Oggi il Federalismo può e deve essere, se ben attuato in un’ottica di responsabilità e di solidarietà, una possibilità di riscatto e di ammodernamento economico, sociale, produttivo e infrastrutturale dell’intero Mezzogiorno. Il tutto in una visione di crescita globale nazionale, inquadrata in un contesto europeo e con un orizzonte di interessi e di prospettive mediterraneo e globale. Ma perché questo sistema porti i suoi frutti occorre una reale collaborazione tra le Istituzioni a tutti i livelli. Bisogna per questo evitare fughe in avanti come quelle leghiste che non portano in nessun luogo».
Lo ha detto il Presidente della Regine Molise, Michele Iorio, partecipando come relatore a Pescasseroli, alla Tavola rotonda dal titolo: “Federalismo attuale e potenziale: una prospettiva da costruire valorizzando l’esperienza degli enti locali”.
L’importante incontro, cui hanno preso parte anche il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, il presidente della Fondazione per il Sud, Carlo Borgomeo, e tutti i presidenti delle Regioni del Mezzogiorno, si inserisce nell’iniziativa “Summer School 2011 – Unità d’Italia e Federalismo: dall’unione alla coesione nazionale”, voluta dalla Fondazione Mezzogiorno Europa.

<div class="

Precedente Concorsi, due assegni di ricerca dall'Università del Molise Successivo Dal 20 al 22 giugno in Molise la Conferenza dei molisani nel mondo