ELEZIONI/ Provincia di Campobasso: la destra dovrebbe strapparla alla sinistra



CAMPOBASSO – Rosario De Matteis si avvia, salvo sorprese, a vincere nettamente il confronto per la presidenza della Regione Molise. Il candidato del centrodestra dovrebbe avere la meglio su Micaela Fanelli, sindaco di Riccia, candidata del centrosinistra. Male l’Italia dei valori con il candidato Pierpaolo Nagni.
Dai primi risultati, che “Forche Caudine” ha acquisito e assemblato in alcuni paesi campione, De Matteis risulta nettamente in testa e dovrebbe vincere al primo turno con percentuali tra il 55% e il 60%.
In particolare il candidato del centrodestra, già assessore al Turismo della Regione, ha fatto il pieno in molti paesi dell’entroterra (intorno al 78% a Gildone e Limosano, al 76% a San Giuliano del Sannio, paese di nascita di De Matteis, al 73% a Petacciato, al 72% a Cercemaggiore, al 69% a Duronia, al 65% a San Biase, al 61% a Torella del Sannio). Anche a Campobasso città De Matteis risulta in testa, anche se non in modo così netto. Il candidato del centrodestra sarebbe in testa anche a Termoli (ma sotto il 50%) grazie soprattutto al frazionamento della sinistra, che registrerebbe buone affermazioni dei candidati più radicali. Più equilibrato il voto a Larino, Rotello e Gambatesa. La Fanelli, oltre che a Riccia, otterebbe buone affermazioni a Ferrazzano.
Si tratta, ovviamente, di prime indicazioni, ma abbastanza indicative. Per avere i risultati definitivi occorrerà probabilmente attendere notte fonda.
Nel caso di vittoria del centrodestra, si tratterebbe di una vittoria importante: il Molise passerebbe ulteriormente a destra (dopo Regione, Comune di Campobasso, Comune e Provincia di Isernia), espugnando l’ultimo feudo del centrosinistra.

(16 maggio 2011, ore 20)

<div class="

Precedente Agnone: centrodestra diviso, trionfa a sorpresa la sinistra Successivo Elio Germano protagonista del film sul G8 di Genova