Forum PA a Roma: tutti gli eventi del Molise



ROMA – Torna il “Forum PA” alla Fiera di Roma dal 9 al 12 maggio 2011, la più importante esposizione sull’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali, quest’anno incentrata sul valore delle “reti”.
La Regione Molise, per l’occasione, promuove un ricchissimo calendario di eventi, che spaziano dalle realtà amministrative a vere e proprie offerte culturali.
Ecco l’articolato programma per i giorni dal 9 al 12 maggio, nella rielaborazione effettuata dall’associazione “Forche Caudine”.
LUNEDI’ 9 MAGGIO 2011
– MUSE – MUSEI SPAZI IN RETE LE PRIME MAGLIE PER UN PROGETTO DI RETE.
(ore 11-15, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 62)
Il progetto MuSE – Musei Spazi in retE nasce all’interno del Progetto “Molise Cultura” realizzato dal Formez per la Regione Molise e la Fondazione “Molise Cultura” con il fine di realizzare una governance di settore per la promozione culturale del territorio molisano. L’idea progettuale intende applicare la metodologia gestionale della Governance nel settore specifico dei musei. I musei sono per eccellenza i luoghi di conservazione, diffusione e valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale del territorio e quindi luoghi privilegiati d’intervento nell’ambito delle politiche culturali. Intesi come spazi di richiamo culturale in dialogo continuo con le realtà circostanti, essi possono costituire una rete di valori e conoscenze multiformi unica come unico è il territorio molisano per qualità culturali ed ambientali. La creazione di questa rete di valori passa attraverso una serie d’interventi ed attività rientranti in una programmazione condivisa che tenga conto delle singole esigenze. In ambito museologico nazionale e internazionale l’esperienza della rete e del sistema come forme di gestione delle attività e delle risorse umane ed economiche è stata già sperimentata con risultati in gran parte positivi. L’idea del gruppo di lavoro è di porsi come soggetto referente che sostenga e indirizzi le attività dei singoli musei. Gli obiettivi strategici del progetto sono: conoscenza del patrimonio museale; individuazione musei pilota e adesione al progetto di rete; miglioramento della qualità del museo e dell’offerta.
Intervengono: Giovanna Raspa, Giuseppina Rescigno e Silvia Santorelli
– SANTI, ANIMALI E MASCHERE: FESTE E RITI NEL MOLISE CONTEMPORANEO
(ore 11-11:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 151)
Feste e riti nel Molise contemporaneo.
Interviene: Mauro Gioielli, etnologo, capo ufficio stampa del Comune di Isernia
– PRESENTAZIONE DELLA RETE ITALIANA DI CULTURA POPOLARE E DEGLI STATI GENERALI DELLA CULTURA POPOLARE – TORINO 23,24 E 25 SETTEMBRE 2011
(ore 11-15, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 150)
La “Rete Italiana di Cultura Popolare” è un’associazione di enti pubblici, privati, fondazioni che ha come missione creare le condizioni affinché si faciliti il passaggio dei saperi da una generazione all’altra. Senza rendersene conto, alcuni portatori di quei saperi, destinati ad estinguersi con la loro presenza (dalla musica alla teatralità, dall’artigianato al rito della tavola), sono stati circondati da persone che li hanno riconosciuti quali “Maestri inconsapevoli”. L’incontro con alcuni di questi “Maestri” ha portato a galla una “cultura altra”, assente dai programmi scolastici. Le persone che partecipano ai nostri progetti riscoprono il ruolo di “partecipante”, colui che è parte dell’evento e del processo di condivisione culturale, invece di restare confinate dello sterile desiderio di protagonismo che caratterizza il mondo della comunicazione di oggi. Non per questo però la nostra azione resta chiusa nel passato e nelle sue “forme”: parlare di cultura popolare oggi significa anche aprire gli orizzonti verso i nuovi media, i forum, la chat, gli sms che sono sia la forma di comunicazione più popolare della contemporaneità che gli spazi dell’oralità di ritorno, dove la scrittura confina più da vicino con la comunicazione orale. Anche dal punto di vista economico e di comunicazione l’azione della Rete ha obiettivi precisi: crediamo che l’uso razionale delle risorse, il tentativo di mettere in campo economie di scala e di coordinare la comunicazione dei progetti e delle visioni sia un dovere preciso di chi si impegna nella tutela del patrimonio culturale specie se immateriale. “Lavorare in rete” è in questo senso un grande valore aggiunto, che amplifica sforzi e risorse impegnate.
Intervengono:
– Antonio Damasco (Direttore – Rete Italiana Cultura Popolare)
– Walter Santoro (Archeologo – Fondazione Molise Cultura)
– CONVEGNO INAUGURALE LA PA CAMBIA, I FRUTTI DELLA RIFORMA
(ore 11-12:30, Codice E.01)
Il tema proposto ha l’intento di mostrare quanto già possiamo raccogliere dallo sforzo riformatore di questi tre anni di Governo. Più che una “passerella” rituale si preferisce uno stile veloce e incisivo prendendo un esempio emblematico e un testimone per ciascuno dei percorsi chiave di FORUM PA 2011 : la riforma derivante dal d.lgs. 150/09; la semplificazione amministrativa; la digitalizzazione della PA.
Modera
– Carlo Mochi Sismondi (Presidente Forum PA)
Saluti
– Antonio Martone (Presidente Civit)
Testimonianze
– Giampaolo Galli (Direttore Generale Confindustria)
Semplificazione e digitalizzazione: i nuovi rapporti tra imprese e amministrazioni
– Carlo Flamment (Presidente Formez PA)
La PA al servizio del cittadino
– Cesare Fumagalli (Segretario Generale Confartigianato)
– Antonio Mastrapasqua (Presidente Inps)
La PA senza carta: i primi risultati della digitalizzazione in atto
– Angelo Michele Iorio (Presidente Regione Molise)
– Renata Polverini (Presidente Regione Lazio)
La legge di recepimento della “riforma Brunetta”
Conclusioni
– Renato Brunetta (Ministro – per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione)
– LA MUSICA POPOLARE MOLISANA
(ore 11:30-12, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 152)
Tradizione e strumenti tra rinascita e oblio.
Interviene: Walter Santoro (Archeologo – Fondazione Molise Cultura)
– MOLISE DIGITALE
(ore 12-12:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 58)
L’intervento mira alla promozione di specifici settori del patrimonio bibliografico della Regione Molise, poco valorizzato e conosciuto, attraverso il processo di digitalizzazione.
Il progetto, tramite l’adesione ai programmi Culturali che il MIBAC cura secondo le linee della Comunità Europea (Cultura Italia, Minerva), incrementerà le potenzialità di fruizione del patrimonio culturale della regione mediante condivisione e diffusione in rete e contribuirà a promuovere, migliorare e consolidare l’immagine del Molise nel contesto nazionale e internazionale.
Intervengono:
– Maria Teresa Natale (OTEBAC – Osservatorio Tecnologico per i Beni e le attività culturali)
– Alessia Finori (Borsista – Regione Molise)
– LE MINORANZE LINGUISTICHE NEL MOLISE
(ore 12-13, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 68)
Nella Regione Molise sono presenti la minoranza linguistica croata (Comune di: Acquaviva Collecroce, Montemitro e San Felice del Molise) e la minoranza linguistica arbereshe (Comune di: Campomarino, Montecilfone, Portocannone e Ururi).
Nell’ambito della tutela delle minoranze linguistiche storiche, previste dalla legge dello Stato n. 482/99, la Giunta regionale, a seguito di accordi con i sette Comuni di minoranza linguistica, approva annualmente, con delibera, il Progetto unico regionale che viene poi trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Affari regionali , che con proprio Decreto provvede alla ripartizione dei fondi previsti dagli articoli 9 e 15 della citata legge. La gestione dei progetti unici regionale viene affidata all’Assessorato alla Cultura/Ufficio Minoranze linguistiche. Inoltre la Regione Molise, con propria legge n. 15/97 “Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale delle minoranze linguistiche del Molise”, in ossequio all’art. 6 della Costituzione che afferma che la ” Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”, valorizza, promuove e sostiene – attraverso contributi annuali ai 7 Comuni di minoranza linguistica, – il patrimonio culturale delle Minoranze linguistiche storicamente presenti nel territorio, quale elemento non secondario della cultura molisana.
Interviene: Dina Marcovecchio (Responsabile uff. Minoranze linguistiche – Regione Molise)
– “AZIONI” – MOSTRA ITINERANTE DI ARTI CONTEMPORANEE
(ore 13-13:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 170)
Il progetto nasce dall’intento di porre l’accento sull’arte contemporanea, attraverso le sue varie espressioni (pittura, scultura, fotografia, installazioni audio e video, performance), per realizzare un discorso più ampio sul tema della comunicazione.
L’idea di dare vita ad una mostra itinerante di arti contemporanee nelle principali città del Molise sottolinea la volontà di collocare il progetto sul territorio, di sviluppare questa esperienza artistica nei principali centri della regione, per dare ad artisti locali la possibilità di emergere e di confrontarsi.
Interviene: Giovanni Diana (Artista – Associazione culturale “postoesposto” – Isernia)
– ELIO FRANCESCHELLI – OIL ON WATER. IL DIFFICILE EQUILIBRIO TRA DUE RISORSE NATURALI
(ore 13-14), Padiglione 9, Stand 1A, Codice 57)
Elio Franceschelli ha puntato la sua attenzione ormai da qualche anno sul cosiddetto “olio combusto” e ne ha fatto il protagonista di suggestive istallazioni. L’olio combusto in sè e per sè non ha alcuna qualità estetica e semmai evoca sensazioni spiacevoli di imbrattamento, scivolosità, sgradevolezza olfattiva; esso tuttavia evoca anche molte altre cose tutte riconducibili al mondo forte e positivo del lavoro meccanico e dell’industria pesante. Evoca motori che hanno girato a pieno regime per giorni e notti, officine in cui autocarri, trattori o scavatrici, come grandi animali feriti, sono stati smontati riparati e rimandati al fronte, e ancora convogli ferroviari, rotative, catene di montaggio ed altri impianti che hanno fatto per decenni da colonna vertebrale ad un’intera società… Ma forse più che “evoca” sarebbe meglio dire “evocava”; da qualche anno a questa parte, sono ben altre immagini che subito si affacciano alla nostra mente non appena abbiamo a che vedere con combustibili, lubrificanti ed altri derivati del petrolio, sono le immagini tristi dell’inquinamento, di un pianeta che sta morendo senza che nessuno sia in grado di concepire e mettere in atto un’azione veramente efficace per evitarlo. Lungi dal voler fare della retorica ecologista Franceschelli cerca piuttosto di farci comprendere come l’olio combusto con la sua evidenza di simbolo non vada messo genericamente sul banco degli accusati ma piuttosto chiamato a deporre sia come testimone a carico che come testimone a discarico. Ecco perché egli cerca sempre di presentarcelo in un contesto di concreto equilibrio, in situazioni in cui bellezza e utilità, estetica e lavoro si danno ancora la mano, ma un qualsiasi errore, un qualsiasi eccesso, potrebbe guastare tutto. Il nero dei lubrificanti esauriti continuerà ad essere un bel colore tra colori ancora più belli solo a patto che il loro accordo avvenga all’interno di un sistema protetto in cui arte e rispetto della vita trovino il giusto accordo al di là di ogni ipocrisia. (Prof. Paolo Balmas)
Interviene: Elio Franceschelli (artista)
– PERCORSI VIRTUALI PER UNA CULTURA REALE
(ore 14-15, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 65)
Trasporre i valori storico-culturali di ciascun ambiente costruito e naturale in una nuova “rappresentazione” culturale. Trasferire le forme d’arte materiali e del paesaggio naturale in una originale rappresentazione infografica. Questo è il senso dei “Percorsi Virtuali”. Ricreare, mediante raffigurazioni tridimensionali (riprese fotografiche a 360°) e ri-scoprire, anche a distanza (accesso da WEB), quei valori culturali intrinseci di cui sono permeati i comuni della nostra Regione. Il progetto che si presenta (Tour Virtuale) sviluppa l’idea della trasposizione dei valori dei castelli molisani mediante una rappresentazione fotografica (a 360°) degli interni che ne permette una rilettura e conoscenza anche a distanza. Una serie di punti interattivi, consente inoltre di spaziare liberamente all’interno degli ambienti con la possibilità di stabilirne un percorso virtuale “personale” capace spostarne il proprio interesse tra gli ambienti diversi (Sala Ducale, Corte interna….).
Intervengono:
– Paolo Ruggiero (Professore a contratto – Università degli Studi di Napoli Federico II – Facoltà di Architettura)
– Alessandra Giacca (Collaboratore – Regione Molise)
– CATALOGO ARCHIVI E FONDI FOTOGRAFICI IN MOLISE
(ore 15:30-16:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 60)
Il progetto prevede la ricognizione a fini conoscitivi dei beni fotografici presenti nel territorio molisano e la conseguente realizzazione di una guida al patrimonio fotografico disponibile e ai servizi offerti quale il Catalogo degli Archivi e Fondi Fotografici in Molise.
Si procederà, al fine di avere un quadro completo, alla verifica in loco della situazione logistica e materiale degli Archivi e Fondi pubblici e privati molisani tramite visite nei singoli enti e studi in base a una griglia ristrutturata per la rilevazione dei dati.
Al termine della ricognizione si procederà alla pubblicazione del catalogo cartaceo con ISBN ed alla pubblicazione del catalogo on line tramite link al sito della Regione Molise.
Intervengono:
– Gabriella Biasella (Borsista – Regione Molise)
– Alberto Manodori Sagredo (Docente di Storia e Tecnica della Fotografia – Università degli Studi di Tor Vergata Roma – Facoltà Lettere e Filosofia)
– IL CAMMINO DI PIETRO (CELESTINO V)
(ore 16-17, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 59)
La lunga vita di Pietro da Morrone che fu Papa Celestino V.
Interviene: Antonio Grano (sociologo, scrittore)
MARTEDI’ 10 MAGGIO 2011
– SBN/MOL (SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE MOLISE)
(ore 11-11:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 55)
L’assessorato alla Cultura della Regione Molise ha promosso e sostenuto negli anni l’adesione delle biblioteche molisane al Servizio Bibliotecario Nazionale e ha realizzato un Catalogo Unico Regionale al fine di ottimizzare l’erogazione dei servizi agli utenti e la fruizione dei documenti presenti nelle maggiori biblioteche molisane: Campobasso, Isernia, Agnone, Termoli, Larino e Venafro. Il Servizio Bibliotecario Nazionale è un progetto che nasce in Italia nel 1984 da un protocollo d’intesa tra il Ministero per i beni e le Attività culturali, il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica e il Coordinamento delle Regioni. Le biblioteche che partecipano al SBN sono raggruppate in Poli locali costituiti da un insieme più o meno numeroso di biblioteche. I Poli sono a loro volta collegati al sistema Indice SBN, nodo centrale della rete, gestito dall’ICCU, che contiene il catalogo collettivo delle pubblicazioni acquisite dalle biblioteche aderenti al Servizio Bibliotecario Nazionale. Il Catalogo del polo MOL è consultabile sia dal portale della Regione Molise alla voce SBN, sia attraverso l’indirizzo http://151.99.174.27/SebinaOpac/Opac .
Intervengono:
– Maria Pia Pinelli (Funzionario – Regione Molise)
– Tonino Di Gneo (Funzionario – Regione Molise)
– Irma Elisa Catolino (Responsabile uff.catalogo,mediateca,SBN – Regione Molise)
– IL «PIANO DI COMUNICAZIONE» DELLA BIBLIOTECA COMUNALE MICHELE ROMANO
(ore 11:30-12, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 63)
La biblioteca comunale Michele Romano, fondata nel 1870, è la più antica e autorevole biblioteca cittadina. A partire dal 2010, intotale economia, si è dato avvio a un piano di comunicazione soprattutto tramite web per rilanciarne l’immagine presso il pubblico dei potenziali utenti e incrementare l’accesso di questi ai molteplici servizi che eroga. La presentazione racconta questa esperienza, utile ad altre biblioteche di ente locale.
Interviene: Gabriele Venditti (Direttore – Biblioteca comunale “Michele Romano” – Comune di Isernia)
– PROGETTO TU.SA.I
(ore 12:30-13:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 50)
Il progetto denominato TU.SA.I (Tutela della salute nell’impiego pubblico) è rivolto alla regione Molise ed ai suoi dipendenti della struttura Regionale stessa.In particolare si vuole realizzare una sperimentazione per superare condizioni, organizzazione e distribuzione del lavoro che provocano effetti diversi, a seconda del sesso, nei confronti dei dipendenti con pregiudizio nella formazione, nell’avanzamento di carriera ovvero nel trattamento economico e retributivo. Tale intervento proposto vuole rispondere all’annoso problema politico attuale che obbliga alla presa di responsabilizzazione le Autorita’ Pubbliche e le Organizzazioni Private degli Stati membri della U.E.
Interviene: Giuditta Lembo (Consigliera di parità – Regione Molise)
– MUSEO VIRTUALE DEI SANNITI
(ore 14-14:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 54)
Far conoscere le proprie radici etniche significa evidenziare quelle priorità storiche che hanno contribuito alla formazione di un popolo. I Sanniti hanno impresso, per decine di lustri, l’impronta della propria civiltà sulle terre che dal Gran Sasso arrivavano fin giù alle coste della Magna Grecia. Il progetto nasce dall’esigenza di far conoscere l’epopea del nostro antico popolo raccogliendo le sue vestigia in un unico luogo virtuale dove il visitatore riuscirà a percepire l’importanza che i Sanniti ebbero nella storia. Un portale Internet che fungerà da collettore ed espositore dei reperti e dei luoghi sannitici, gestito dalla Regione Molise che più di ogni altro territorio può rivendicare le origini di questo antico popolo. Il Museo dei Sanniti, inteso come “collettore culturale”, sarà composto da un portale internet dedicato a quest’unico argomento e comprenderà immagini e video realizzati con le moderne tecnologie digitali (visioni dinamiche del luoghi archeologici, immagini tridimensionali dei reperti, oggetti ruotabili per una visione globale), corredati da testi storici ed esplicativi. Saranno esposte testimonianze archeologiche conservate in diversi musei non solo nazionali nonché molti di quei reperti conservati nei depositi museali e mai mostrati ai visitatori per mancanza di spazi espositivi. Si potrà condurre l’ospite alla visita virtuale delle aree archeologiche, preludio al viaggio vero e proprio che il visitatore sarà invogliato a fare (anche mediante indicazioni turistiche e commerciali annesse).
Interviene: Davide Monaco
– “COSTRUIAMO INSIEME UNA NUOVA CULTURA – LA MIA SCUOLA PER LA PACE” – I 7 VALORI DELLA COSTITUZIONE
(ore 14-15, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 51)
La Regione Molise, l’Assessore Salvatore Muccilli, attraverso il Servizio Rapporti con gli Enti Locali, ha aderito al Programma La mia scuola per la pace 2010/2011 predisposto dal Coordinamento degli Enti Locali per la Pace. Il programma contiene alcune proposte che possono consentire di arricchire l’offerta formativa delle scuole del territorio e di partecipare ad un grande progetto educativo nazionale centrato sulla riscoperta dei grandi valori costituzionali. Per affrontare la grave crisi culturale che stiamo vivendo abbiamo bisogno di fare un grande investimento educativo e ri-mettere al centro della nostra vita, della società come della politica, i valori che sono stati scolpiti nella nostra Costituzione. Sono i valori della nonviolenza, della giustizia, della libertà, della pace, dei diritti umani, della responsabilità e della speranza. Valori oggi messi da parte, che vanno riscoperti, rigenerati e utilizzati per affrontare insieme le grandi sfide del nostro tempo. Cominciamo dalle nostre scuole e dalle nostre città. Facciamo in modo che in ogni città nasca un nuovo progetto educativo centrato sui grandi valori costituzionali e sul protagonismo dei giovani. Scuole e territorio, enti locali, associazioni e gruppi di volontariato, giornalisti e mezzi di comunicazione debbono operare insieme per organizzare la formazione di cittadini attivi, critici e consapevoli. Otto le scuole che hanno aderito al progetto e che parteciperanno ai Forum organizzati in 7 diverse città, dedicati a ciascuno dei 7 valori.
L’approccio con gli alunni è avvenuto con l’ausilio di esperti e con la proiezione di immagini che hanno accompagnato alla riflessione.
Intervengono:
– Rosa Olivieri (Responsabile uff. Cooperazione degli Enti Locali – Regione Molise)
– Alberta De Lisio (Dirigente Servizio Avvocatura Regionale, Affari Legislativi e Giuridici e Rapporti Istituzionali- Coordinatore della Cooperazion – Presidenza Regione Molise)
– CROCI STAZIONARIE NEI LUOGHI ANTICHI DEL MOLISE
(ore 14:30-15, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 164)
Franco Valente ripercorre con occhio attento tutti i luoghi del Molise alla ricerca dei significati nascosti delle croci stazionarie, elementi appariscenti della religiosità popolare.
Attraverso l’analisi di 90 croci stazionarie, in gran parte del tutto sconosciute, Franco Valente ricostruisce la storia della croce cristiana. E’ una straordinaria occasione per scoprire la loro complessa simbologia che caratterizza, con la loro piccola monumentalità lapidea, una grande quantità di sagrati di chiese molisane. Il Molise ha uno straordinario patrimonio artistico ed architettonico, in buona parte poco noto al grande pubblico, che permette di ripercorrere ed analizzare i significati che si nascondono dietro le rappresentazioni della crocifissione di Cristo. La Cripta di Epifanio, le croci astili, le lunette di basiliche longobarde, normanne e angioine, le croci aragonesi, le formelle di alabastro inglesi, gli Agnelli cruciferi, le acquasantiere, hanno permesso di ricostruire un percorso nell’evoluzione della storia della croce che consentirà di approfondire un tema che, nonostante la grande diffusione, è generalmente considerato solo per l’aspetto formale.
Interviene: Franco Valente (Scrittore)
– UN EPISODIO DI ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE POSTO ALLE SORGENTI DEL VOLTURNO “LA CARTIERA S. BERNARDO”
(ore 15-15:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 48)
La cartiera sorge in un’area che per le caratteristiche idrogeologiche è stata per secoli adibita ad attività produttive. L’identita dell’opificio, il proprio sistema di adduzione idraulica, sono idealmente collegabili alla riorganizzazione agricola dei luoghi avviata nel VII secolo dai benedettini di S. Vincenzo al Volturno, la quale determina certamente la costruzione di identità paleoindustriali quali mulini e frantoi,identificando così per l’area una precisa e irreversibile caratterizzazione di destinazione d’uso. L’identità di monumento industriale nella cartiera è palese: essa nella propria collocazione territoriale e nel sistema di fabbrica adottato, partecipa a un più ampio dibattito storico-geografico inerente la prima industrializzazione dell’Italia meridionale, e ciò in quanto l’opificio costituisce ancora oggi rappresenta l’episodio tecnologico-produttivo posto più a monte tra tutte le industrie alimentate dal Volturno. La collocazione del bene culturale nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e la sua vicinanza al centro archeologico di San Vincenzo al Volturno, potrebbero costituire un incentivo alla proposizione di interventi progettuali di supporto alle medesime specificità territoriali. Comunque nella formulazione di una qualsiasi analisi finalizzata al recupero della cartiera, non dovrà escludersi un capitolo dedicato alla salvaguardia dei fattori ambientali generanti l’episodio industriale e teso a ristabilire il delicato rapporto, una volta esistente, tra il fiume e il tratto di territorio che lo stesso interessa.
Interviene: Francesco De Vincenzi
– PRESENTAZIONE LIBRI SU CIVITANOVA DEL SANNIO
(ore 15:30-16, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 53)
Presentazione libri:
* Civitanova del Sannio 1799-1950: una pagina di storia , ed. Palladino, Campobasso, 2010
* Padre Antonio Fiorante: un seme da raccogliere, ed. Cannarsa, Vasto, 2005
Interviene: Luigi Fantini WORLD MUSIC PROJECT
(ore 16-18, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 67)
Il World Music Project, quarta edizione si presenta quest’anno come uno degli appuntamenti imperdibili dell’estate molisana. Con 5 location (Isernia-Bojano-Frosolone-Oratino-Colle d’Anchise) , piu’ di 300 artisti coinvolti,musicisti, pittori, scrittori, fotografi, espositori e quant’altro inerente all’arte a 360°, 10 palchi, dal jazz alla classica, al pop, al rock, dalla fusion al flamenco, al blues. Il Festival avrà una durata di 15 giorni dislocati tra la seconda metà di luglio e la prima metà di agosto (3 giorni di manifestazione per ogni comune) e vedrà la partecipazione di BIG della Musica, di Band consolidate ed emergenti provenienti da tutt’Italia ed una serie di attività culturali concomitanti tra cui il premio letterario ì, un premio di fotografia, il palco emergenti per le band giovanili, esposizioni ed istallazioni nei comuni, e soprattutto una serie di big della musica e dell’arte che scelgono il Molise per ritrovarsi tutti insieme in una delle terre piu’ belle d’Italia, un luogo incontaminato, tutto da scoprire. Il World Music Project è un evento che si annuncia unico, importatore ed esportatore di un prodotto artistico di altissima qualità, con grandi risvolti turistici e mediatici che non conosce precedenti. Un amalgama originale ed eterogenea per diffondere l’arte e la musica, per valorizzare il made in Italy.
Interviene: Simone Sala (Direttore Artistico – World Music Project)
MERCOLEDI’ 11 MAGGIO 2011
– LEGGE REGIONALE 24 MARZO 2011, NUMERO 6.”NORME SULL’ORGANIZZAZIONE DELL’ESERCIZIO DI FUNZIONI E COMPITI AMMINISTRATIVI A LIVELLO LOCALE. SOPPRESSIONE DELLE COMUNITÀ MONTANE”.
(ore 10-10:30, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 49)
La Regione con la presente legge adotta misure di riorganizzazione dell’esercizio di funzioni e compiti amministrativi a livello locale, al fine di elevare il livello di qualità delle prestazioni e di ridurre complessivamente gli oneri organizzativi, procedimentali e finanziari, nel contesto dei processi di riforma volti al rafforzamento dell’efficacia delle politiche pubbliche e con riferimento ad obiettivi specifici condivisi con Province e Comuni.
Interviene: Salvatore Muccilli (Assessore Ambiente, Personale, Enti locali, Polizia Locale – Regione Molise)
– NUOVA PROPOSTA LEGGE POLIZIA LOCALE E INIZIATIVE FORMATIVE 1° FORUM NAZIONALE DELLE POLIZIE D’ITALIA – CAMPOBASSO 23 – 24 GIUGNO 2011.
(ore 10:30-11, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 56)
La Regione, nell’ambito delle proprie competenze in materia di Polizia Locale, con deliberazione di Giunta Regionale 1° dicembre 2010, numero 1008, ha approvato il programma delle iniziative per l’aggiornamento degli operatori della Polizia Locale e la formazione di quegli operatori cui spesso è necessario far ricorso per intuibili esigenze di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica, oppure, per corrispondere ad esigenze occasionali o stagionali, utilizzando, cioè, forme flessibili di rapporti di lavoro, anche attingendo all’area del volontariato.
Si è avviato:
a) il procedimento riguardante l’organizzazione e la gestione di un primo percorso formativo destinato al personale ausiliario ex articolo 17, commi 132 e 133, legge numero 12/97, ausiliari del traffico e della sosta, finalizzato all’acquisizione delle conoscenze utili al corretto espletamento dei compiti attribuibili, in base al relativo ordinamento;
b) il procedimento riguardante l’organizzazione e la gestione di un primo percorso di formazione-base destinato ai “volontari vigili” ed ai “Nonni vigili”.
Si sta organizzando il 1° Forum Nazionale delle Polizie Locali d’Italia “23-24 giugno 2011”.
Interviene: Salvatore Muccilli (Assessore Enti Locali, Polizia Locale, Personale e Ambiente. – Regione Molise).
– FONDAZIONE MOLISE CULTURA: LABORATORIO DI IDEE.
(ore 12-13, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 169)
La Fondazione Molise Cultura avvalendosi delle professionalità selezionate nell’ambito dell’omonimo progetto, ha ideato e realizzato per conto della Giunta Regionale del Molise, l’allestimento dello spazio dedicato al Molise all’interno della mostra “Testimonianze e Regioni d’Italia”. Lo staff si è avvalso, durante il periodo dedicato all’attività, della collaborazione di personalità autorevoli del mondo della cultura e dei beni culturali e archivistici della regione. Il percorso allestito, seguendo le indicazione fornite dalla direzione della Mostra, è stato suddiviso in ambiti tematici volti a narrare la storia della regione e a metterne in evidenza punti di forza e peculiarità. Dalla cronistoria al personaggio di eccellenza, dai giubilei del passato ai progetti architettonici e urbanistici di maggior rilievo, dalla presentazione dei tratti specifici della Regione, alle indicazioni delle linee di sviluppo futuro, ogni tema è stato approfondito e comunicato attraverso un ricco percorso fotografico e testuale. Ad accompagnare il “viaggio” del visitatore nel Molise è stata scelta la narrazione letteraria di Francesco Jovine, scrittore che più di chiunque altro ha saputo raccontare l’essenza umana e paesaggistica della regione. Attualmente è in fase di elaborazione un catalogo scientifico che racchiude una sintesi dei contenuti della mostra, nonché i risultati del lavoro di ricerca svolto in fase di realizzazione.
Interviene: Sandro Arco (Direttore – Fondazione Molise Cultura).
– LA PAURA SICURA. SICUREZZA INTEGRATA SUL TERRITORIO. PAURE INDIVIDUALI E SOCIALI DEGLI STUDENTI DEL MOLISE
(ore 15-17, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 64)
La Regione Molise, l’Assessore Salvatore Muccilli, attraverso il Servizio Rapporti con gli Enti Locali ha inteso sensibilizzare i ragazzi in tema di sicurezza delle città e dei territori con un approccio innovativo, e ad offrire, da un lato una chiave di lettura alla necessità di sicurezza, dall’ altro, raccontare – dialogando con i giovani, adulti ed anziani – le paure del presente: da quelle più intime, esistenziali ed adolescenziali di tanti ragazzi a quelle derivanti dai mutamenti che le nostre città grandi, medie e piccole hanno affrontato in questi anni a quelle drammatiche del degrado e della criminalità diffusa.
Ha realizzato degli incontri con gli studenti nelle varie sedi degli istituti di istruzione superiore della regione Molise prevedendo interventi di esperti della Sicurezza e Psicologia.
Intervengono:
– Carmilia Vallone (Responsabile Ufficio Attuazione delle Politiche di Sicurezza Integrata sul Territorio – Regione Molise)
– Ferdinando Lombardi (Comandante provinciale dei Carabinieri di Campobasso – Arma dei Carabinieri)
– Vittorio Di Lalla (Dirigente squadra mobile questura di Isernia – Vicequestore aggiunto – Questura di Isernia)
– Elisa Ricchiuti (psicologa)
– Alessandra Pannunzio (psicologa)
– Alessandra Passarella (psicologa)
– Innocenza Pannella (psicologa)
– Leontina Lanciano (psicopedagogista)
– Alberto De Lellis (psicologo)
– Clarissa Cerasuolo (psicologa)
– Rosanna Di Lizia (psicologa)
– Cinzia Tamburrello (psicologa)
– M. Antonietta Ruscitto (psicologa)
GIOVEDI’ 12 MAGGIO 2011
– L’EVOLUZIONE DELLE FUNZIONI DELLA CORTE DEI CONTI – LA FUNZIONE DELLA NOMOFILACHIA (ARTICOLO 42, COMMA 2, DELLA LEGGE NUMERO 69 DEL 2009) NELLA GIURISDIZIONE CONTABILE
(ore 10:30-12:30, Padiglione 8, Stand 3B, Codice w67)
Le sezioni riunite e la funzione nomofilattica. Il rilievo ordinamentale della funzione decisoria della pronuncia delle sezioni riunite sui giudizi che presentano una questione di diritto già decisa in senso difforme dalle sezioni giurisdizionali, centrali o regionali o su quelli che presentino una questione di massima di particolare importanza l’articolo 42, comma 2 della legge numero 69 del 2009.
Interviene: Tommaso Miele (Consigliere c/o la Sezione giurisdizionale regionale della Corte dei conti per il Molise – Corte dei Conti)
– PROMOZIONE “D” E VOLONTARIATO: LA RETE
(ore 11-12, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 66)
Intervengono:
– Leontina Lanciano (psicopedagogista)
– Elisa Angelone (Associazione Promozione Donna onlus)
– Gemma Barone (Associazione Promozione Donna onlus)
– Luisa Iannelli (Associazione Promozione Donna onlus)
– VERSO IL PIANO AGRIENERGETICA REGIONALE: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE BIOENERGETICO DELLA REGIONE MOLISE
(ore 12-14, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 61)
Lo sviluppo e l’incremento dell’impiego di energie rinnovabili, a salvaguardia e tutela dell’ambiente, è una tematica sempre più oggetto di interesse del mondo istituzionale, imprenditoriale e politico. In tal senso, il documento prodotto che si vuole presentare rappresenta un valido supporto ad orientare i decisori nelle scelte volte ad un uso sostenibile del proprio territorio e ad una diffusione delle energie rinnovabili (biomasse, biogas, biocarburanti, biodiesel), rivolgendosi in prima persona ai potenziali attori locali provenienti dal comparto agro-forestale e zootecnico, il tutto nella logica dei distretti agroenergetici con l’attivazione di filiere agroenergetiche finalizzate all’efficienza produttiva, al miglioramento dell’efficienza energetica, alla produzione di biomassa e di energia rinnovabile.
Interviene: Nicola Pavone (Dirigente – Regione Molise)
– IL MOLISE NELL’UNITA D’ITALIA
(ore 15-16, Padiglione 9, Stand 1A, Codice 52)
Presentazione del volume: “Il Molise nell’Unità d’Italia” di Fernando Cefalogli, in occasione del 150. anniversario dell’Unità d’Italia.
Interviene: Fernando Cefalogli

<div class="

Precedente Roma, referendum: tre incontri per capire Successivo Roma, colorata l'acqua della fontana delle Naiadi