Coppa Italia: trasferta a Milano vietata ai tifosi della Roma



ROMA – Niente trasferta per i tifosi giallorossi a Milano per assistere alla partita di ritorno della semifinale di coppa Italia tra Inter e Roma. Lo ha deciso il Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) del Viminale, che ha stabilito il divieto di vendita dei biglietti ai residenti nella regione Lazio per la partita di coppa Italia.
Amaro in bocca, quindi, per i tifosi della Roma, che non potranno sostenere i propri beniamini in campo dagli spalti del Meazza di Milano per il sofferto ritorno della finale di coppa Italia contro l’Inter, in programma l’11 maggio 2011. La Roma sarà chiamata ad una dura prova per ribaltare lo 0 a 1 dell’andata. Soltanto i sostenitori giallorossi in possesso della “tessera del tifoso” potranno seguire la squadra a Milano.
Le limitazioni nella vendita dei biglietti riguardano, sempre per motivi di sicurezza, altre quattro partite di serie A tra il 7 e l’8 maggio. Il Casms ha infatti stabilito il divieto di vendita dei biglietti ai residenti nelle regioni delle squadre ospiti (sempre escluso chi ha la “tessera del tifoso”) per le partite: Palermo-Bari (7 maggio), Brescia-Catania (8 maggio), Inter-Fiorentina (8 maggio), Lecce-Napoli (8 maggio).
Il Casms ha anche preso misure sulle gare di serie B del 7 maggio: Piacenza-Sassuolo (vendita tagliandi ai soli residenti nella provincia di Piacenza), Siena-Torino (divieto vendita ai residenti in Piemonte); Padova-Ascoli (divieto vendita ai residenti nelle Marche).
Immancabili le polemiche da parte delle tifoserie escluse.

<div class="

Precedente Corte Ue boccia clandestinità reato: l'Italia verso il braccio di ferro Successivo Agnone: messa di Pasquetta riservata ai soli maschi