Monteroduni (Isernia): torna l’Eddie Lang festival



MONTERODUNI (ISERNIA) – In una situazione di particolare difficoltà, con manifestazioni che in gran numero si vedono ridimensionate o addirittura abolite, l’Eddie Lang Jazz festival di Monteroduni trova la forza di rilanciarsi con una delle edizioni più ricche in assoluto di tutta la sua storia ultraventennale, che si svolgerà, come di consueto, nella prima settimana di agosto nel piccolo centro molisano.
Edizione ricca di nomi, contenuti, progetti musicali appositamente studiati per questo festival. Edizione che ritrova la sua principale ragione storica, di festival della chitarra, con i concerti di Greg Howe (3 agosto, accompagnato da Stu Hamm e Dennis Chambers in quello che può essere considerato uno dei migliori gruppi fusion attualmente in circolazione), Frank Vignola (in duo con l’ottimo Vinny Raniolo) e del quartetto di Joscho Stephan (6 agosto).
Rientra a pieno titolo in questa prospettiva il progetto musicale di un chitarrista italiano, Emanuele Basentini, giunto alla sua completa maturità dopo anni di studio, di impegno, di meticoloso affinamento tecnico, arricchito da importanti esperienze all’estero: Parigi, Londra, New York, in templi del jazz contemporaneo come Smalls, Fat Cat, Kitano. E proprio nell’ambiente newyorchese matura l’incontro di Basentini con Ehud Asherie e Alex Hoffman, pianista versatile e dalle sterminate conoscenze musicali l’uno, sassofonista poderoso e allo stesso tempo di straordinaria finezza l’altro, per una rilettura attualissima del genio di George Gerswin (7 agosto).
Appuntamento importante è il concerto di Lonnie Liston Smith (4 agosto), primo vero incontro fra il pubblico italiano e un grande protagonista della storia del jazz dell’ultimo mezzo secolo: dagli inizi con Betty Carter a Miles Davis, dai Jazz Messengers di Art Blakey a Pharoah Sanders, Max Roach, Roland Kirk, Gato Barbieri, fino all’esperienza tutta propria di The Cosmic Echoes che ne ha fatto uno dei padri del funk moderno e dell’acid jazz.
Personaggio realmente storico, vivida testimonianza della fusione di generi, stili, esperienze creative, che è probabilmente la cifra principale della musica contemporanea, Lonnie Liston Smith sarà accompagnato da Lee Pearson, batterista in grande ascesa, ormai stabilmente impiantato nel trio di Kenny Barron (con Ron Carter al contrabbasso), dopo le esperienze con Hank Jones, Hamiet Bluiett, Roy Hayers, Kenny Garrett, Roy Hargrove, Antonio Hart, John Medeski, Little Jimmy Scott, la stella del pop Erykah Badu e di recente Aretha Franklin. Anche qui notevole l’incontro con musicisti italiani di altissimo livello (Alessio Menconi, alla chitarra, indimenticato vincitore di uno dei primi concorsi per giovani chitarristi dell’Eddie Lang Jazz Festival) e dal massiccio curriculum (Massimo Moriconi, al basso elettrico e acustico).
Serata tutta dedicata dell’organo Hammond il 5 agosto, con due rappresentanti dell’élite mondiale come Barbara Dennerlein e Tony Monaco. Presenze illustri sono quelle di Scott Hamilton (2 agosto, a Isernia), Matt Renzi (7 agosto, con Greg Burk al pianoforte e Jimmy Weinstein alla batteria), “The Roar at The Door” di Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini, con Raffaello Pareti al contrabbasso e Walter Paoli alla batteria (4 agosto).
Grandi attese anche per Walter Ricci (1° agosto, a Isernia), giovane e talentuosissimo cantante per il quale non è difficile preconizzare una carriera di primo piano, e per Daniele Gottardo (3 agosto), fra i protagonisti più acclamati dell’edizione 2010 e con un largo seguito di fans, che si tratti di affrontare la sua stessa, fertilissima produzione o i repertori più sofisticati di Miles Davis o Wayne Shorter.
Ritornano anche il primo e il secondo classificato del concorso per giovani chitarristi del 2010, rispettivamente Daniele Cordisco (3 agosto, con una formazione che vede Andrea Rea all’organo, Dario Deidda al basso elettrico e Giovanni Campanella alla batteria) e Gianluca Figliola (nell’anteprima isernina del 31 luglio).
Luigi Di Nunzio, una delle scommesse storiche del festival, torna nel trio di Tony Monaco con il fidatissimo Elio Coppola. Giordano Carnevale, altro elemento di punta della vera e propria scuderia che si sta formando intorno al festival di Monteroduni (grazie anche a una sceltissima programmazione invernale), torna nel supergruppo di Ehud Asherie, Alex Hoffman e Emanuele Basentini.
Luigi Grasso (4 agosto, in un quintetto che vede anche la presenza del fratello Pasquale, formidabile chitarrista) e Paolo Recchia (6 agosto) sono sassofonisti di tutto rispetto, in un panorama italiano che forse dovrebbe aggiornare le sue graduatorie. Pianisti già ben affermati, molto attivi e con interessanti prospettive sono Domenico Sanna (1° agosto) e Enrico Zanisi (2 agosto).
Si confermano gli spettacoli della fascia pomeridiana e gli appuntamenti notturni dell’after concert, con jam sessions che tra Alex Hoffman, Ehud Asherie, Lee Pearson, Lonnie Liston Smith (che si tratterranno a Monteroduni per l’intera settimana) e tutti gli altri ospiti, si annunciano incandescenti.Un programma, insomma, ricchissimo, denso di spunti, di temi, di idee, ma soprattutto di grandi presenze, per un festival che in un momento di generale difficoltà conferma il suo posto nella schiera delle manifestazioni nazionali più prestigiose e rispettate e si proietta con tutta la sua forza verso il futuro.
DOMENICA 31 LUGLIO: ANTEPRIMA
BEER RIVERS – PIAZZA X SETTEMBRE ISERNIA
22.00 GIORDANO CARNEVALE QUARTET
23.00 GIANLUCA FIGLIOLA QUARTET
LUNEDÌ 1° AGOSTO: THE VOICE
ALTER EGO COCKTAIL CAFÉ – PIAZZA SAN PIETRO CELESTINO V – ISERNIA
22.00 DOMENICO SANNA TRIO
23.00 WALTER RICCI QUARTET
MARTEDÌ 2 AGOSTO: THE AMERICAN STANDARD SONGBOOK
ALTER EGO COCKTAIL CAFÉ – PIAZZA SAN PIETRO CELESTINO V – ISERNIA
22.00 ENRICO ZANISI TRIO
23.00 SCOTT HAMILTON QUINTET
MERCOLEDÌ 3 AGOSTO: FUSION IS NOT DEAD – PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
18.30 LET’S GROOVE
GIARDINI CASTELLO PIGNATELLI MONTERODUNI
22.00 DANIELE CORDISCO 4ET
Daniele Cordisco (chitarra), Andrea Rea (tastiere), Dario Deidda (basso elettrico), Giovanni Campanella (batteria)
23.00 GREG HOWE / STU’ HAMM / DENNIS CHAMBERS: THE FUSION SUPERGROUP
Greg Howe (chitarra), Stuart Hamm (basso elettrico), Dennis Chambers (batteria)
PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
24.00 ANDREA ANTONILLI BAND
24.00 DANIELE GOTTARDO BAND
GIOVEDÌ 4 AGOSTO: TO JAZZ OR NOT TO JAZZ? – PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
18.30 ENRICO CIFELLI TRIO
GIARDINI CASTELLO PIGNATELLI MONTERODUNI
22.00 THE ROAR AT THE DOOR
Mauro Ottolini (trombone), Francesco Bearzatti (sax tenore), Raffaello Pareti (contrabbasso), Walter Paoli (batteria)
23.00 LEE PEARSON / LONNIE LISTON SMITH QUARTET
Lonnie Liston Smith (tastiere), Alessio Menconi (chitarra), Massimo Moriconi (basso elettrico e contrabbasso), Lee Pearson (batteria)
PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
24.00 LUIGI GRASSO QUINTET
VENERDÌ 5 AGOSTO: HAMMOND NIGHT – PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
18.30 GABBO E JOLE
GIARDINI CASTELLO PIGNATELLI MONTERODUNI
22.00 TONY MONACO TRIO
Tony Monaco (hammond B3), Luigi Di Nunzio (sax alto), Elio Coppola (batteria)
23.00 BARBARA DENNERLEIN DUO
Barbara Dennerlein (hammond B3), Marcel Gustke (batteria)
PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
24.00 THE SAX BATTLE
SABATO 6 AGOSTO: GUITAR NIGHTPIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
18.30 EDDY CICCHETTI BAND
GIARDINI CASTELLO PIGNATELLI MONTERODUNI
22.00 FRANCESCO BUZZURRO GUITAR SOLO
22.00 FRANK VIGNOLA DUO
Frank Vignola (chitarra), Vinny Raniolo (chitarra ritmica)
23.00 JOSCHO STEPHAN QUARTET
Joscho Stephan (chitarra solista), Günter Stephan (chitarra ritmica), Sebastian Reimann (violino), Max Schaaf (contrabbasso)
PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
24.00 PAOLO RECCHIA QUARTET
DOMENICA 7 AGOSTO: HAPPY ENDING – PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
18.30 ANTONIO SCOGNAMIGLIO QUARTET
GIARDINI CASTELLO PIGNATELLI MONTERODUNI
22.00 MATT RENZI TRIO
Matt Renzi (sax), Greg Burk (pianoforte), Jimmy Weinstein (batteria)
23.00 EMANUELE BASENTINI SEXTET incontra EHUD ASHERIE e ALEX HOFFMAN
Emanuele Basentini (chitarra), Pietro Lussu (pianoforte), Giordano Carnevale (sax alto), Francesco Lento (tromba), Nicola Muresu (contrabbasso), Andrea Nunzi (batteria), Ehud Asherie (pianoforte), Alex Hoffman (sax tenore)
PIAZZA MUNICIPIO MONTERODUNI
24.00 EDDIE LANG JAZZ FESTIVAL ALL STARS

<div class="

Precedente Giornalisti italiani in lutto, è morto Gilberto Evangelisti Successivo Inattività degli adulti: dati drammatici in Molise