Roma, mostre: “Underground” collettiva da “Gard” a Piramide



ROMA – Sabato 16 aprile 2011 si inaugura alle ore 18.30 presso la galleria Gard, in via dei Conciatori 3/i (Piramide) a Roma, la mostra “Underground” degli artisti Andrea Bancone, Francesco Carta, Duilio Cau, Michele Coccioli, Micael Dellecaccie, Silvio Gatto, Cinzia Grisorio, Matthaeus Kostner, Alberto Lardizzone, Alessia Magliaro, Luigi Meregalli, Valeria Micara, Wally Romeo, Margherita Premuroso, Alessandra Zarlottin.
La mostra è dedicata alla metropoli, alla città vista non solo come antagonista della natura, ma anche come espressione del vivere umano moderno, una visione poetica della città e non solo denigratoria.
DURATA: dal 16 al 29 aprile 2011
INAUGURAZIONE: sabato 16 aprile18.30
ORARI: dal martedì al sabato 16.00-19.30
LUOGO: Galleria Gard, Via dei Conciatori 3/i, Roma (zona Piramide)
CURATRICI: Mara Valente e Marina Zatta
INFO: tel. 06.5759475, cell. 333.7330045
@mail: [email protected], www.soqquadro.eu
GARD, Galleria Arte Roma Design, nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e diffusore di opere di arte e design di artisti e designer emergenti. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia dalle Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria che oggi è diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, diventando un punto di raccordo e sperimentazione.
Negli anni, numerosi personaggi già consacrati del mondo della pittura, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative.
Soqquadro dedica questa mostra alla metropoli, alla città vista non solo come antagonista della natura, ma anche come espressione del vivere umano moderno, una visione poetica della città e non solo denigratoria. Strade, metropolitane, grattacieli, autobus, traffico, smog, visti non unicamente come manifestazioni dell’uomo ‘contro’ la natura ma anche dell’individuo moderno che crea il suo habitat.
La globalizzazione economico-culturale e gli stravolgimenti geopolitici hanno causato trasformazioni a livello mondiale, incidendo anche sugli assetti locali, delle piccole realtà, in cui la espansione omologante, paradossalmente, ha condotto a far emergere nuove specificità: nel theatrum urbano in fibrillante evoluzione i segnali del cambiamento stanno modellando nuove forme e percezioni, sovrapposte a quelle preesistenti. Le metropoli contemporanee raccontate attraverso gli occhi di coloro che le abitano, artisti ma anche cittadini di mondi underground tutti ancora da scoprire, nelle quali luoghi, rumori, persone, colori sono in eterna evoluzione…
L’intento della mostra è quello di aprire uno squarcio su queste recenti realtà quotidiane, per esplorarne i nuovi confini ed espressioni; una proposta di analisi positiva e non il consueto atto d’accusa nei confronti della metropoli aberrante, ma soprattutto un gesto poetico rivolto all’affascinante concretezza della ‘città’ contemporanea.
Da sabato 16 aprile 2011, ore 18.30, presso la galleria Gard, in Via dei Conciatori 3/i (Piramide) a Roma.

<div class="

Precedente Arte a Genazzano (Roma): omaggio all'Abruzzo e Celestino V Successivo Roma: "Racconti di viaggio", alla scoperta del Venezuela