Lavoro con acqua e caffè: l’offerta di Gabriele Di Nucci



ROMA – Sabato 2 aprile, dalle ore 16 alle 17.30, in via degli Olmetti 16, nella zona industriale di Formello (Roma), sarà aperta ufficialmente la sede del Lazio della “My Way”, azienda specializzata nel benessere nel campo della depurazione dell’acqua e del caffè.
“My Way” srl, nata nel 2007 da precedenti esperienze nel campo della vendita, porta la firma dell’imprenditore Vittorio Porretti, da oltre trent’anni operante nel marketing passaparola o multilevel. Responsabile per il Lazio è Gabriele Di Nucci, romano con origini molisane, che dopo 13 anni di esperienze commerciali nel settore automobilistico, ha intrapreso questa nuova esperienza. Obiettivo: immettere sul mercato un’opportunità finanziaria incentrata sulla semplicità dei meccanismi, quindi alla portata di tutti, sia di venditori che intendono migliorare il proprio tenore di vita sia di consumatori attenti alla qualità dell’offerta e del prodotto.
Al centro dell’attività ci sono le due bevande più bevute al mondo: l’acqua e il caffè.
“My Way” cerca venditori. Non necessariamente a tempo pieno. L’opportunità, flessibile, si presta a categorie particolari: ad esempio studenti universitari, diplomati e laureati che svolgono un lavoro differente dal loro settore di specializzazione, impiegati che stentano a mandare avanti la famiglia con uno stipendio normale, casalinghe che con un orario flessibile possono aggiungere una seconda entrata a quella del marito, pensionati che si sentono ancora produttivi e utili, ma che con una pensione molte volte misera non ce la fanno a vivere una vita decorosa, dirigenti che hanno paura di trovarsi nel vortice dei tagli delle aziende; imprenditori che sono stanchi dei problemi per far quadrare i conti.
“L’industria del multilevel marketing in Italia è stata inquinata negli ultimi trent’anni da aziende che promettono “facili guadagni” in cambio di pochissimo impegno – sottolineano i promotori dell’iniziativa. “Il multilevel non è la bacchetta magica che cambia la vita delle persone, ma il veicolo che, dipendendo dall’impegno, può sicuramente migliorarla o nel tempo cambiarla – spiegano.
Sul fronte del caffè – evidenziano in “My Way” – il futuro dell’espresso è monodose. A dirlo sono le cifre di mercato. Quello del caffè “porzionato”, come lo chiamano gli esperti, è infatti tra i pochi segmenti del comparto alimentare che registra da anni un tasso di crescita elevatissimo. In Italia le vendite di capsule per espresso sono aumentate del 114% nel 2004 e sono salite di un’ulteriore 63% alla fine del 2006, portando con sè una vera rivoluzione nel consumo domestico. Ciò equivale all’introduzione di nuove macchine e alla necessità, per il consumatore, di imparare a scegliere tra tante proposte e metodi di preparazione diversi.
Oltre a quattro diversi gusti di caffè, “My Way” propone tre linee di prodotti in capsule: la “Linea Relax” (tè verde, al limone, ai frutti di bosco, camomilla), la “Linea Aroma” (caffè al ginseng, americano, d’orzo, caffelatte e bevanda bianca) e “Linea Beenessere” (tisana digestiva, depurativa, rilassante, dimagrante e antiossidante).
Le offerte della “My Way” prevedono la macchinetta del caffè in comodato d’uso (ciò garantisce la certezza di poter cambiare la macchinetta in caso di malfunzionamento senza spese aggiuntive) e l’acquisto di capsule ad un costo altamente competitivo che va da 0,36 a capsula e può diminuire, dipendendo dal quantitativo, fino a €. 0,26.
Inoltre, a livello etico, “My Way” riserva per ogni vendita un centesimo per la causa dell’autismo.
Per informazioni: Gabriele Di Nucci, cell. 338-7647857, e-mail: [email protected].

<div class="

Precedente Immigrati a Manduria (Taranto): dimissioni di sindaco e sottosegretario Successivo Dal 1 aprile più "salate" energia elettrica e gas