E’ nata la Fondazione Quid Novi, per un Molise proattivo



Si chiama Fondazione Quid Novi ed è promossa, in autonomia, da alcuni membri del Comitato imprese di Forche Caudine. Un nuovo soggetto che nasce per operare più liberamente in ambito imprenditoriale e commerciale rispetto alla vocazione prettamente culturale che da sempre caratterizza l’associazione Forche Caudine, sodalizio dei romani di origine molisana.
La Fondazione Quid Novi – come evidenzia Francesco Caterina, uno dei promotori del neonato organismo – vuole essere il primo incubatore ed acceleratore individuale perché le imprese, le pubbliche amministrazioni e qualsiasi gruppo organizzato o meno di persone è semplicemente l’insieme di diversi individui e non si può prescindere dal lavoro sulla persona se si vogliono raggiungere risultati concreti in altri ambiti della società”.
“Quid Novi”, oltre a collaborare con “Forche Caudine”, opererà di concerto con privati aziende ed istituzioni per favorire pratiche di organizzazione di comunità, sviluppare e attuare progetti di welfare comunitario, di valorizzazione sociale ed ambientale, di assets territoriali, attraverso la più ampia partecipazione delle persone alla loro formulazione, proposta e attuazione. Si occuperà inoltre di promuovere iniziative legislative, finalizzate a migliorare i servizi di comunità e la coesione sociale nei territori, in Italia e in ambito europeo. Ancora: mira ad agevolare l’attività delle imprese, stimolando il processo di sburocratizzazione e di semplificazione amministrativa del Paese. Tra gli altri scopi rientrano la valorizzazione delle risorse culturali, ambientali, e agroalimentari dei territori, anche in chiave di sviluppo turistico l’ideazione e la promozione , a livello istituzionale ed imprenditoriale, di progetti di sviluppo territoriale, regionale e nazionale e il supporto a soggetti che necessitano di assistenza legale specializzata per la difesa dei propri diritti per azioni coerenti con la mission e previste dallo statuto della fondazione.

“Forche Caudine” augura al nuovo soggetto grandi successi per il bene del Molise.
<div class="

Precedente Roma, "Campi di grano a Paestum" mostra a palazzo Valentini Successivo Roma, festa della donna alla Galleria d'arte moderna