Fiction sulle sorelle Fontana: due protagoniste molisane



ROMA – Due molisane protagoniste della fiction “Atelier Fontana, le sorelle della moda”, andata in onda in prima serata su Raiuno in due parti, la prima ieri sera, domenica 27, e la seconda stasera, lunedì 28 febbraio. 
Se la siciliana Anna Valle, Miss Italia nel 1995, oggi 35enne, interpreta Zoe Fontana, il ruolo di protagonista principale della fiction, quello di Micol Fontana, viene interpretato dall’ attrice di origini agnonesi Alessandra Mastronardi che, dopo i “Cesaroni” e “Romanzo criminale”, è di nuovo in tv con un ruolo da protagonista.
Con loro c’è Cecilia Cozzoni, di Venafro (Isernia), già Miss Molise 2008 e dodicesima al concorso nazionale di Miss Italia. Per lei un curriculum arricchito soprattutto da spot (di una nota compagnia telefonica) e videoclip, come quello di “Italia amore mio”.
La fiction racconta la vita e la carriera delle tre sorelle Fontana che, iniziando da una piccola sartoria di provincia, hanno portato l’eleganza dell’Italian style in tutto il mondo approdando a Roma. Con sacrificio e talento hanno raggiunto il successo, vicenda che quindi viene offerta come esempio.
“Ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere Micol Fontana – racconta il regista Riccardo Milani. “La sua storia fa scattare un senso di ammirazione profondo per tre ragazze che negli anni Trenta partono da sole, da un piccolo centro di provincia, e conquistano il mondo. Rendendomi conto, realizzando ancora una volta che le favole che nella vita di tanto in tanto diventano realtà, lo diventano per elementi concreti: il realismo, lo spirito di sacrificio e l’umiltà di chi le vive. Micol Fontana lo ripete continuamente: lavoro, sacrificio, umiltà, coraggio, talento. Il loro successo è legato solo e unicamente a questo. All’amore e alla dedizione totale per il lavoro”.
La fiction è prodotta da Rai Fiction e Lux Vide (Matilde e Luca Bernabei).

<div class="

Precedente COMMENTI/ "Reazionario" il nuovo Statuto del Molise Successivo Pallante (Fli) interviene sul decreto Milleproroghe